facebook twitter rss

Rogo alla Orim, due gli indagati:
il titolare e un operaio

MACERATA - A rischio processo Alfredo Mancini e il dipendente che fece cadere un fusto mentre lo trasportava col muletto. I reati contestati vanno dall'incendio colposo all'inquinamento ambientale
sabato 6 Luglio 2019 - Ore 10:16 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
130 Condivisioni

L’incendio alla Orim dell’anno scorso

 

Rogo alla Orim, due indagati: si tratta del titolare Alfredo Mancini e dell’operaio Gianluca Gazzani. Il primo in qualità di rappresentante legale, l’altro perché ritenuto responsabile dell’incidente che diede il la all’incendio. Secondo la procura, infatti, fece cadere un fusto che stava trasportando con il muletto, originando così la scintilla da cui partirono le fiamme.

Alfredo Mancini, titolare della Orim, il giorno dell’incendio

Era esattamente un anno fa, il 6 luglio 2018. Nell’azienda di Piediripa che tratta rifiuti si sprigionò un incendio di vaste proporzioni, che distrusse parte dei capannoni e rilasciò nell’aria una densa nube nera, che arrivò fino alla costa, preoccupando non poco i residenti. Gli accertamenti condotti finora hanno escluso rischi per la salute derivati dal fumo. E fin dalle battute iniziali la procura ha aperto un’inchiesta, avvalendosi di diverse perizie, per capire le cause del rogo e gli effetti sull’ambiente. Ora sta arrivando alle battute finali. Sia a Mancini che a Gazzani il procuratore Giovanni Giorgio contesta una serie di reati: incendio colposo, violazioni di norme ambientali specifiche in materia di stoccaggio e trattamento dei rifiuti, la mancata applicazione della direttiva Seveso III del 2015 quanto all’entità dei rifiuti che erano in azienda al momento dell’incidente, poi l’inquinamento ambientale, in particolare del Chienti e delle falde acquifere sotto all’azienda. I due indagati nei giorni scorsi sono stati sentiti nella caserma dei carabinieri forestali. Gazzani ha preferito avvalersi della facoltà di non rispondere.  Mancini invece ha difeso la sua azienda, assicurando che tutto era a norma.

 

 

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X