facebook twitter rss

L’ex scuola Bezzi diventa un dormitorio:
«Gestione alle suore Maestre Pie Venerini»

TOLENTINO - L'annuncio del sindaco Pezzanesi: «I locali situati in prossimità della Basilica di San Nicola accoglieranno le monache della congregazione e gli studenti del coreutico, oltre ad ospitare fedeli e viandanti»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

45 Condivisioni

 

La scuola Bezzi

 

La scacchiera del sistema scolastico tolentinate inizia a muovere i suoi pezzi. La Giunta ha deciso di affidare alle Maestre Pie Venerini la gestione dell’ex-scuola Bezzi, in comodato d’uso gratuito. Qui, insieme a loro, alloggeranno gli studenti del Liceo Coreutico. «Il primo passo di una rivisitazione attenta e ponderata della nostra rete di scuole – commenta il sindaco Giuseppe Pezzanesi -. Una progetto che guarda lontano, ben oltre l’orizzonte del presente». L’edificio, danneggiato dal sisma, era stata interessato, dopo l’immediata evacuazione, da un pronto intervento per ripristinarne le condizioni di agibilità. Circa 160 mila euro il costo dei lavori. «I locali del Bezzi, situati in prossimità della Basilica di San Nicola – prosegue il primo cittadino – avranno da oggi una duplice funzione». Infatti, oltre ad accogliere le suore della congregazione e i ragazzi del liceo, saranno dormitorio per fedeli e viandanti. «Abbiamo deciso di cedere gli ambienti del secondo piano ai padri agostiniani – spiega Pezzanesi -. Lì potranno finalmente svolgere attività di accoglienza per i pellegrini sempre più numerosi che, ogni anno, percorrono la via Lauretana». Anche in questo caso la concessione sarà in comodato d’uso gratuito. Iniziative di convivenza, ritiri e incontri organizzati dagli agostiniani, nonché dormitorio per eventuali ospiti del comune di Tolentino. Insomma, una seconda vita per il Bezzi. Ma non finisce qui: la riprogettazione scolastica è appena iniziata e a farne parte sarà anche l’istituto Don Bosco. Prevista per lui una nuova veste:

Giuseppe Pezzanesi

«Accanto all’ex area delle Pie Venerini, dove sorgerà la nuova scuola materna – rivela il sindaco – il Don Bosco ospiterà i ragazzi delle elementari e un distaccamento delle medie. In entrambi i casi strutture performanti e antisismiche, in pieno centro storico». Secondo il programma dell’amministrazione, una parte degli studenti delle medie sarà spostata nella nuova zona campus, per esigenze di spazio e viabilità. «Nuovo e sicuro al 300% – questo è il motto di Pezzanesi -. La cittadinanza va rassicurata, e non intimorita con i fantasmi della desertificazione dei centri storici. Chi specula sul panico e sulla mala-informazione non avrà mai le carte in regola per amministrare».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X