Evasione delle imposte,
Commissione tributaria dà ragione al Gus

ACCOGLIENZA - La onlus: «Il pronunciamento fa decadere ogni ipotesi di reato, silenzia ogni polemica e permette all’associazione di affrontare con la dovuta energia le note difficoltà economico-finanziarie». Nella sentenza si legge che le entrate sono esenti da Iva. Resta comunque in piedi il processo contro l'ex presidente Paolo Bernabucci
- caricamento letture
ConsiglioComunale_Bernabucci_FF-4-650x434

Paolo Bernabucci

 

Evasione di Iva e tasse, incarichi pagati che presidente e vice si sono affidati reciprocamente, mancanza dei requisiti di una onlus e di democraticità, configurazione di un’attività imprenditoriale. Battaglia tra Gus e Agenzia delle Entrate, l’associazione vince su tutta la linea. E’ stata depositata la sentenza con cui la Commissione tributaria provinciale ha accolto il ricorso presentato dalla onlus contro l’accertamento e le contestazioni dell’Agenzia e della Guardia di finanza. «Il 2019 si apre dunque con una buona notizia – commenta l’associazione – dopo un anno di difficoltà dovute a fattori esterni e interni. Il pronunciamento fa decadere ogni ipotesi di reato, silenzia definitivamente ogni polemica e permette all’associazione di affrontare con la dovuta energia le note difficoltà economico finanziarie. Il risultato ottenuto è importante anche sul piano nazionale per tutte le realtà del Terzo settore che si occupano di accoglienza, perché consente loro di agire in maniera più serena rispetto ad una normativa di settore finora lasciata a troppe libere interpretazioni». Resta comunque in piedi il processo per evasione fiscale contro l’ex presidente Paolo Bernabucci (e contro Daniel Amanze dell’Acsim, e di Laura Bacalini della Perigeo, le altre due onlus che si occupano di accoglienza migranti) dopo la citazione diretta a giudizio del procuratore Giovanni Giorgio. L’accusa è quella di avere nascosto redditi al fisco e di non aver versato l’Iva nel periodo 2011-2015: il Gus non avrebbe dichiarato 39 milioni, l’Acsim e la Perigeo poco più di tre milioni ciascuna. Per quanto riguarda l’Iva invece il Gus non avrebbe versato 10 milioni, le altre due circa 500mila a testa.

GuardiaFinanza_Archivio_arkiv_FF-9-650x434Tornando ai rilievi oggetto del recente ricorso, sono stati tutti smontati dalla commissione, che ha accolto dunque le motivazioni degli ex presidente e vice, Paolo Bernabucci e Franca Angeli. Quindi il fatto che entrambi percepissero compensi dall’associazione, tra l’altro con incarichi reciproci, e che questo rappresentasse la maggior fonte di reddito di entrambi è lecito, non rappresenta una divisione indiretta degli utili. Così come non è assolutamente dimostrata la mancanza di democraticità contestata nell’accertamento e la circostanza per cui l’associazione non è una onlus, ma svolga attività imprenditoriale (nel 2015 c’erano 272 dipendenti e tre volontari). «Il numero elevatissimo di migranti di cui l’associazione (come altre nel Paese) si è occupata (9.220 dal 2011 al 2015) – scrive la Commissione nella sentenza – ha reso necessaria la predisposizione di un rilevante numero di persone, anche qualificate professionalmente ed adeguatamente retribuite, e di rilevanti mezzi (locali e strutture, compreso il ricorso al credito bancario, data la non sempre tempestiva erogazione dei contributi rispetto ai servizi prestati). Le dimensioni della struttura organizzativa non sono indice di imprenditorialità, ma rispondono all’esigenza di dare adeguata accoglienza e adeguato sostegno, sotto vari aspetti, ad una moltitudine di persone che lo stato ha deciso di accogliere ma che non può direttamente gestire. Quanto alla questione dell’Iva, si ritiene di condividere quanto affermato dal Gus secondo cui le attività di accoglienza migranti svolte in convenzione con le pubbliche amministrazioni sono da inquadrarsi come non rilevanti ai fini delle imposte dirette, in quanto rientranti tra le attività istituzionale proprie delle onlus e degli enti non commerciali, per cui le relative entrate non concorrono alla formazione del reddito, e, comunque, sono esenti dall’Iva».

WhatsApp-Image-2018-02-10-at-15.21.35-650x434Così l’associazione, dopo le dimissioni di Paolo Bernabucci a fine anno, l’entrata di Francesco Maria Perrotta come presidente dichiara di voler guardare al futuro con occhi diversi. «In questi anni la nostra associazione – commenta il Gus – ha erroneamente concentrato la sua attività nel settore dell’accoglienza dei migranti, senza sperimentare in maniera significativa nuove progettualità, in particolare nella Cooperazione internazionale e nelle nuove forme di welfare, nazionale e internazionale. Oggi stiamo facendo in modo che il Gus continui le sue attività in modo sostenibile nel nuovo percorso tracciato dall’organo di amministrazione. Questa sentenza ci consente di farlo con più forza e di affrontare i mesi che verranno con maggiore slancio, permettendo ai dipendenti di lavorare con una rinnovata serenità economica, che è mancata negli ultimi mesi, e agli stakeholder una ritrovata voglia di collaborare con un interlocutore affidabile e virtuoso. Il futuro dell’associazione è oggi ancora di più nelle nostre mani e nel contributo ideale e operativo di ogni singolo elemento, dagli amministratori fino al più giovane degli operatori».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X