Encomio del Comune a Riccardo Scoponi
«Il suo gesto sia da esempio per gli altri»

CHOC A CIVITANOVA - Attestato di benemerenza al titolare del ristorante Tonno e Salmone che sabato è intervenuto per difendere Alina dalla furia omicida del suo ragazzo. «Ha scongiurato una tragedia ancora più grande»
- caricamento letture
46476171_2000682786702447_3202829508595941376_n-325x346

Riccardo Scoponi riceve l’attestato di benemerenza dal sindaco Fabrizio Ciarapica

 

Encomio del comune di Civitanova a Riccardo Scoponi. L’amministrazione comunale ha voluto ringraziare il titolare del ristorante Tonno e Salmone con un attestato di benemerenza che ne elogia il senso di giustizia e il coraggio. Il giovane ristoratore infatti sabato pomeriggio mentre stava allestendo il locale per la cena non ha esitato ad intervenire per aiutare la 30enne romena Alina Emilia Pavel aggredita dal 32enne macedone Sheval Ramadani con lancio di acido muriatico e con tre coltellate. Questa mattina a Palazzo Sforza Scoponi è stato ricevuto dal sindaco e dall’assessore alla sicurezza Giuseppe Cognigni. «Oggi ho voluto ricevere in comune e ringraziare a nome mio, dell’amministrazione e di tutta la cittadinanza Riccardo Scoponi che con grande coraggio e incurante del pericolo è intervenuto per proteggere e salvare la vita di Alina aggredita violentemente sabato scorso. La vita è un dono prezioso e Riccardo con il suo intervento ha scongiurato ad Alina una tragedia ancora più grande». Ciarapica si è intrattenuto diversi minuti con Scoponi elogiandone il coraggio e il senso di giustizia: «In una società dominata dall’individualismo, in cui ognuno tende a pensare solo a se stesso, vedere un giovane che, in maniera del tutto gratuita e disinteressata, mette addirittura in pericolo la propria vita per salvare quella di altri, riempie di gioia e ammirazione – ha continuato Ciarapica – un simile gesto non può e non deve passare inosservato, ma anzi deve essere evidenziato ed elogiato affinché sia da esempio per essere tutti più altruisti con il prossimo».

Aggressione choc, il ristoratore eroe: «Alina gridava mi ammazza, ho visto il coltello e l’ho bloccato»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X