Aggressione choc, il ristoratore eroe:
«Alina gridava mi ammazza,
ho visto il coltello e l’ho bloccato»

CIVITANOVA – Riccardo Scoponi, titolare di “Tonno e salmone”, rivive i drammatici momenti in cui la donna è entrata nel suo locale per sfuggire alla furia omicida di Sheval Ramadani, il 32enne macedone arrestato. «Lui cercava di colpirmi per liberarsi e finire l’opera con la sua ragazza». VIDEO