Rogani non accetta il veto di Morresi,
Corvatta tenta di ricompattare gli alleati

VERSO LE ELEZIONI - Inversione a U per l'alleanza fra Città pulita e Insieme per Civitanova. L'ex presidente di Gas Marca: "Non mi si può chiedere l'eutanasia politica di Costamagna e Centioni". Schiarite nel centrosinistra: Gismondi possibilista dopo l'incontro col sindaco
- caricamento letture
rogani

Flavio Rogani

 

di Laura Boccanera

«Non mi si può chiedere l’eutanasia politica di Costamagna e Centioni, io non sono il pupazzetto di nessuno e se non c’è un rapporto di fiducia per me la storia si chiude qui». Inversione a U per l’alleanza Morresi-Rogani. Passo indietro dopo che ieri il candidato sindaco di Insieme per Civitanova ha chiesto ulteriormente garanzie sul fatto che Costamagna e Centioni non facciano parte in alcun modo della prossima stagione politica. Un veto che è apparso a Rogani troppo pesante seppur aveva già dato rassicurazione che i due politici di lungo corso non avrebbero fatto parte nè delle liste nè di una eventuale giunta. Tutte le carte sono ancora in tavola dunque. E’ durata poco la liaison politica fra la lista del candidato Morresi e la nuova civica Città pulita. «La lista è un soggetto plurale – dice Rogani – ho chiesto io per primo un passo indietro a chi aveva già dato molto, ma non si può chiedere l’eutanasia politica di questi soggetti, anche perchè non condivido lo sport di pugnalare alle spalle e la mancanza di riconoscenza. Continuare a porre veti e parlare di socialisti è alquanto irritante e infantile. Oltretutto dover puntualizzare ancora queste cose presuppone che non ci sia un rapporto di fiducia. Proseguire su questa strada con Morresi è impensabile, la dignità umana non è negoziabile». Tutti i giochi sono ancora aperti: inverosimile che Rogani decida di correre da solo ed altrettanto impensabile appare anche la possibilità che uno dei candidati delle civiche (Morresi e Ghio) facciano un passo indietro per una grande coalizione civica. Una situazione che va a vantaggio del sindaco Tommaso Corvatta. Pare infatti che gli ex alleati stiano riavvicinandosi. Ieri il sindaco si è incontrato con Piero Gismondi e con i componenti della lista La nuova città e lo stesso Gismondi è apparso più possibilista. Non è escluso che anche Rogani torni nell’alveo di Corvatta. In settimana anche il Pd dovrebbe finalmente dire una parola definitiva sulla ricandidatura del sindaco.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X