Trivelle; “No al cavalcavia” per il sì,
M5S al sindaco Acquaroli:
“Intervenga contro astensionismo”

L'associazione civitanovese scende in campo contro la proroga delle concessioni: "Un segnale forte al governo sul dissenso dei territori". I pentastellati di Potenza Picena esortano il primo cittadino a scongiurare "il tentativo del Governo di non far raggiungere il quorum"
- caricamento letture
Un momento dell'incontro

Alcuni dei membri dell’associazione “No al cavalcavia”

Trivelle: dopo la presa di posizione del sindaco Tommaso Corvatta  (leggi l’articolo) anche l’associazione “No al cavalcavia” di Civitanova lancia il suo appello contro la proroga delle concessioni per l’attività estrattiva di idrocarburi entro le 12 miglia dalla costa. Dall’altra parte il M5S di Potenza Picena si rivolge al sindaco Francesco Acquaroli «contro il tentativo governativo -scrivono i pentastellati – di far mancare il quorum».  Intanto nel Pd si contrappongono il senatore maceratese Mario Morgoni (per il no) e il presidente della Regione Luca Ceriscioli favorevole al blocco delle trivellazioni (leggi l’articolo).

12992157_10209002669005341_665469439_n

Il sindaco Claudio Corvatta con la spilla per il sì al referendum

«Il referendum è uno strumento democratico di fondamentale importanza che ci consente di dare un contributo alle scelte più importanti per il futuro del Paese. Civitanova è una città di mare dove pesca e turismo rivestono un ruolo tradizionale nella vita economica – scrive il comitato – il  quesito referendario riguarda le concessioni e le piattaforme già esistenti entro le 12 miglia ma pochi dicono che nell’ambito delle concessioni già esistenti  possono essere installate nuove piattaforme con pozzi come è accaduto nel Canale di Sicilia con la Vega B e in Abruzzo con la Rospo Mare. Dunque votare Sì contribuisce a dare un segnale forte al governo sul dissenso dei territori per una politica energetica rivolta al fossile e non alle rinnovabili. Oltre le 12 miglia sono più di novanta le concessioni e di queste tre davanti alla nostra città tra Porto Potenza e Porto S.Giorgio».

 

 

movimento-5-stelleA Potenza Picena il M5S si rivolge al sindaco Acquaroli per interventi contro l’astensionismo:

«Ci rivolgiamo al sindaco Acquaroli – continua la nota – perché in virtù delle funzioni disciplinate dalla legge agisce quale ufficiale del Governo e sovraintende, fra l’altro, agli adempimenti demandatigli dalle leggi in materia elettorale. Il referendum è uno strumento di esercizio della sovranità popolare. Noi siamo convinti che il sistema referendario sia la forma di democrazia diretta che garantisce la più libera espressione della volontà popolare, ed è l’antidoto più forte contro tutti i tentativi di tacitare la volontà dei cittadini per favorire come in questo caso le lobby di potere. Questo appello alla massima autorità comunale, garante di tutti i cittadini, nasce dall’aver toccato con mano che, in tutti questi mesi, non è stato garantito il diritto dei cittadini ad essere informati e alla partecipazione democratica, diritti negati dai ripetuti appelli di Renzi e del Partito Democratico all’astensione al referendum contro le trivellazioni, considerando anche che il costo del mancato accorpamento del referendum alle prossime amministrative viene calcolato in 300 milioni di euro con i quali si sarebbero potute costruire 100 nuove scuole o metterne in sicurezza il doppio. Pertanto invitiamo il sindaco ad esprimersi pubblicamente per invitare tutti i cittadini a partecipare al referendum di domenica come a tutti quelli che verranno in seguito».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X