Referendum sulle trivelle,
Corvatta si schiera coi sì

CIVITANOVA - Il sindaco: "Il nostro mare è il nostro primo patrimonio, e il suo valore va molto al di là dell'idrocarburo che vi riposa sotto"
- caricamento letture

Corvatta_Foto LB

 

Referendum sulle trivellazioni in Adriatico, Corvatta vota sì. Con l’avvicinarsi della data del 17 aprile per il referendum il primo cittadino di Civitanova prende posizione nel merito. «All’indomani dalla prima sentenza dell’indagine “Tempa Rossa” – scrive Corvatta in una nota – vale ancora di più la pena riflettere sul valore del sì al referendum sulle trivellazioni. E’ evidente che dove si concretizzano così forti interessi, è difficile resistere alla tentazione di aumentare i guadagni dei pochi, a rischio del patrimonio di tutti. Il nostro mare è il nostro primo patrimonio, ed il suo valore va molto al di là dell’idrocarburo che vi riposa sotto. Solo votando sì al referendum tuteleremo il nostro mare, favoriremo il passaggio della nostra società ed economia all’era del rinnovabile. Dobbiamo inoltre essere coscienti che gli idrocarburi, con cui produciamo la plastica, concimi, medicine, componenti di auto aerei e persino navicelle spaziali, sono proprio per questo troppo preziosi per essere bruciati. Questa è un’occasione troppo buona per riprendere il controllo del nostro ambiente,ma non solo, anche della nostra politica, non dobbiamo sprecarla».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X