Partorisce in un quarto d’ora:
“Senza il punto nascita
sarebbe nato in strada”

SAN SEVERINO - Augusto Fugiani è arrivato insieme alla moglie che aveva già le doglie: "Andare a Macerata o Civitanova in quelle condizioni sarebbe stato pericoloso, noi qui ci siamo trovati bene, non si può rischiare per la distanza"
- caricamento letture
L'ospedale di San Severino

L’ospedale di San Severino

di Monia Orazi

Nascita flash in un quarto d’ora, nell’ospedale di San Severino, ieri intorno alle ore 20.20. La notizia la si apprende oggi dal bel fiocco azzurro che campeggia sulla porta della camera numero 8 del reparto maternità. Augusto Fugiani, 44enne di Fabriano è arrivato nell’ospedale settempedano, insieme alla moglie in preda alle doglie soltanto un quarto d’ora prima. «Se avessimo dovuto fare altri chilometri,  andando a Jesi, Macerata o Civitanova, dove sarebbe nato il mio bambino? Per strada? In macchina? Sicuramente non avremmo fatto in tempo a farlo venire al mondo in ospedale» commenta emozionato. Il secondo figlio dei Fugiani (anche il primo era nato a Camerino) ha avuto fretta di nascere: «È stato tutto molto veloce, quando siamo arrivati mia moglie aveva già le doglie in fase avanzata – racconta – il tempo di fare la visita, si sono rotte le acque ed è nato mio figlio, un ritardo nell’arrivo avrebbe complicato tutto».

La protesta dei punti nascite in Regione

La protesta dei punti nascite in Regione

È stata la positiva esperienza della nascita del primo figlio, ad aver fatto scegliere di nuovo San Severino alla famiglia Fugiani: «Abitiamo a Fabriano e potevamo appoggiarci al reparto cittadino,  ma ci siamo già trovati molto bene l’altra volta e siamo voluti tornare per la seconda volta, siamo stati accolti benissimo, è un reparto che è di eccellenza per il calore umano e la grande professionalità di tutto lo staff». La coppia festeggerà un Natale speciale, con il meraviglioso regalo di un bambino appena nato: «Andare a Macerata o Civitanova in quelle condizioni sarebbe stato pericoloso, noi qui ci siamo trovati bene, non si può rischiare per la distanza». In questi giorni Augusto Fugiani e la moglie hanno preso parte alla protesta per la chiusura dei punti nascita dell’entroterra, Osimo, Fabriano e San Severino, partecipando alle manifestazioni della città della carta.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X