Assessori Pd, Micozzi:
“Tutti sorpresi da Casoni, io positivamente”

MACERATA - Il segretario democrat commenta il malcontento di una certa parte del partito dopo le nomine di Carancini: "La scelta di guardare solo ad alcuni nomi della rosa ha generato amarezza da chi nutriva la speranza di un incarico soprattutto dopo la sintesi delle primarie"
- caricamento letture
Paolo Micozzi, segretario cittadino del Pd

Paolo Micozzi, segretario cittadino del Pd

di Claudio Ricci

«La scelta di guardare solo ad alcuni nomi della rosa fornita dal Pd, ha generato amarezza da chi nutriva la speranza di un incarico. Ma come alle primarie sono convinto che il partito saprà affrontare anche questa fase facendo sintesi e ritrovandosi compatto». Tocca al segretario Paolo Micozzi tracciare lo stato di salute del Pd dopo le nomine degli assessori da parte del sindaco Romano Carancini. Quattro democratici, tra cui Alferio Canesin, Narciso Ricotta e Mario Iesari, caranciniani della prima ora e Paola Casoni, nome giovane del direttivo che se da una parte non nuoce nessuno dall’altra ha escluso altri pretendenti di espressione renziana. «La nomina di Paola ha lasciato tutti sorpresi – commenta Micozzi – me compreso in maniera positiva. Non è una persona a cui piace apparire ma è molto concreta e determinata e sono sicuro che farà un ottimo lavoro per la città. Inoltre è espressione di quella volontà di rinnovamento anche rispetto alla formazione della lista. Non era una candidata ma in questo modo potrà avere aspettative future. Altri eletti faranno una prima esperienza in consiglio comunale e altri ancora entreranno negli organi di partito per costruire quella che sarà la futura classe dirigente tra 5 anni».

Romano Carancini poco fa con i suoi assessori

Romano Carancini con i suoi assessori. Davanti Mario Iesari e Paola Casoni

Inevitabile dunque il malcontento per la scelta di alcuni e non di altri. Ora Carancini dovrà confrontarsi con il partito in un incontro che verrà convocato dopo il primo consiglio comunale del 6 luglio: «Non ho ancora convocato niente – chiarisce il segretario – Dobbiamo decidere se sarà un direttivo o un’assemblea per tutti gli iscritti che sono stati pure decisivi nella consultazione elettorale. Proporzionalmente nel Pd lo scontento riguarda più persone perché la scelta era su 4 assessori. Come nelle altre liste si proponevano 6 nomi per un posto, nel nostro caso i candidati si sono moltiplicati con conseguente delusione per chi tra tanti non è stato scelto. La criticità si crea ora rispetto a quella sintesi fatta dopo le primarie quando il partito si ricompattò sostenendo in maniera anche più rilevante rispetto al 2010 il risultato di Romano. E’ naturale che si nutriva qualche aspettativa in più rispetto a una certa area. Il sindaco da parte sua ha anticipato che non avrebbe priviliegiato correnti rispettando i partiti nella loro interezza. Resto convinto che dopo questa iniziale amarezza si valorizzerà quella spinta positiva e propositiva per la nuova Giunta come stanno facendo tutti i partiti».

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X