Carancini 2:
“Non è più tempo di litigi”

MACERATA, IL POST VOTO - Il sindaco rieletto: "Se nel prossimo mandato torneremo a scimmiottare le polemiche che ci hanno diviso negli ultimi 5 anni allora vuol dire che non abbiamo capito niente .Faremo ben volentieri a meno delle anacronistiche divisioni con i renziani della prima ora"
- caricamento letture

(Le immagine della vittoria, foto di Lucrezia Benfatto)

Ifesteggiamenti davanti alla sede elettorale di via Gramsci (clicca sull'immagine per guardare il video)

Ifesteggiamenti davanti alla sede elettorale di via Gramsci (clicca sull’immagine per guardare il video)

 

di Claudio Ricci

«Occorre capire il valore di questo passaggio elettorale facendo a meno delle divisioni interne al partito». E’ questo il monito di Romano Carancini a due giorni dalla sua rielezione a sindaco di Macerata dopo aver vinto il ballottaggio contro la sfidante di centro destra Deborah Pantana. Una fase nuova quella che attende la politica maceratese segnata da un consiglio comunale profondamente rinnovato. «Dentro a questa maggioranza c’è la speranza di riuscire a capire il segnale che gli elettori hanno voluto mandare alla politica. Sta a noi ora saperlo cogliere. In qualche modo la nostra coalizione ha anticipato una nuova apertura, un nuovo rinnovamento fondendosi con tre liste civiche che sono espressione di una politica diversa. Se nel prossimo mandato non sapremo coltivare questo seme tornando a scimmiottare le polemiche che ci hanno diviso negli ultimi 5 anni allora vuol dire che non abbiamo capito niente».

Il segnale è chiaro: dopo le lotte fratricide nella maggioranza nel quinquennio passato, culminate nella battaglia delle primarie che non risparmiarono  “morti e feriti” (come disse lo stesso Massimiliano Bianchini all’indomani del voto) il primo cittadino tiene ferma la barra ricordando ai democrat che non è più tempo di litigi. 

Romano Carancini con Stefania Monteverde

Romano Carancini con Stefania Monteverde

«Ora ci vuole un segnale di maturità da dare alla città e recuperare fiducia nell’elettoralto. Il dato dell’astensionismo, senza esimere l’operato dell’amministrazione, deve impegnare il Pd a rimettersi in gioco – continua Carancini, analizzando a mente fredda concetti già espressi nella notte dell’elezione (GUARDA IL VIDEO) – Parlando da iscritto più che da sindaco credo che sia necessario un nuovo approccio con i cittadini, che preveda forme inedite di confronto e coinvolgimento. Ribadisco che faremo ben volentieri a meno, ad esempio, delle anacronistiche divisioni fra renziani della prima ora e quelli dell’ultima».

Carancini sindaco 2015_Foto LB (15)

Nessun trasloco, gli scatoloni restano nell’ufficio del sindaco Romano Carancini

Romano Carancini con la moglie Betty

Romano Carancini con la moglie Betty

Una maturità che il primo cittadino vorrebbe testare già dal banco di prova della formazione della giunta: «Aldilà degli orti delle appartenenze politiche mi piacerebbe che già da questa fase di composizione della squadra di governo, si vada oltre le appartenenze politiche. Se iniziamo a dividerci sul bilancino delle correnti di partito tutto il percorso fatto per arrivare fino a qui non è servito a nulla. Anche le voci che in questi giorni si rincorrono sull’attribuzione dei posti in giunta sono deleterie e non fanno bene al rapporto politica-cittadini. Sulla Giunta non c’è al momento una sola indicazione. Non ci sono nomi certi tanto meno quelli dati per scontati. Di sicuro non sarà costituita solo sui numeri delle elezioni. Rimane fermo invece l’auspicio di poterla comporre a metà, con 4 uomini e 4 donne e condizioni migliori, rispetto al 2010, per poterlo fare. Di sicuro esiste negli intenti una condivisione di fondo preventivamente accettata nella fase elettorale. Fondamentali saranno la capacità di lavorare insieme e la coesione elementi chiave della vittoria della giunta tra il 2010 e il 2015 e determinanti anche per il risultato elettorale che abbiamo appena ottenuto»

Intanto la sconfitta Deborah Pantana continua a parlare di risultato straordinario delle elezioni e in un post condiviso sulla bacheca facebook, ha invitato i suoi sostenitori ad una cena per festeggiare.

pantana facebook



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X