Partiti e civiche al lavoro
per il totoassessori

MACERATA - Quattro donne e quattro uomini, come già indicato dal sindaco. Si è fatto anche il nome di Pietro Marcolini come assessore esterno. Ogni lista dovrà proporre una rosa di nomi da cui il sindaco potrà scegliere. Pd, Città di Tutti e Macerata Bene Comune temporeggiano. Udc aspetta il verdetto della commissione elettorale: "Potrebbero assegnarci un seggio in più" commenta il segretario Pizzichini. Già all'opera Pensare Macerata
- caricamento letture

carancini giunta

Paolo Micozzi, segretario cittadino del Pd

Paolo Micozzi, segretario cittadino del Pd

 

di Claudio Ricci

Il Carancini bis parte dalla giunta. All’indomani della vittoria alle comunali di Macerata (leggi l’articolo) partiti e civiche della coalizione di centro sinistra, guidata dal riconfermato Romano, si mettono al lavoro per la composizione della squadra di governo. Quattro donne e quattro uomini, come già indicato dal sindaco durante la campagna elettorale. Secondo il metodo usato 5 anni fa e riproposto oggi dal primo cittadino ogni lista dovrà proporre una rosa di nomi tra cui il sindaco potrà scegliere eventuali assessori. Si è parlato anche di un incarico esterno ed alcuni esponenti del Pd hanno fatto il nome prestigioso di Pietro Marcolini per l’assessorato al bilancio.  Dopo la proclamazione che avverrà in seguito alla ratifica del voto da parte della commissione elettorale (probabilmente i lavori finiranno domani) la legge fissa un massimo di 20 giorni entro cui convocare e incontrare il consiglio comunale.

Romano Carancini con Pietro Marcolini, candidato presidente di Regione alle primarie del Pd

Romano Carancini con Pietro Marcolini, candidato presidente di Regione alle primarie del Pd

Spoglio elezioni Macerata 2015 foto ap curziCinque le liste all’opera per scegliere gli eventuali assessori: Pd, Città di Tutti, Macerata Bene Comune, Udc e Pensare Macerata. Fuori dai giochi, se non in caso di un incarico esterno, l’Idv di Giuliano Meschini sesta forza della coalizione che non è rientrata in consiglio. Ancora presto per fare dei nomi anche se il lavoro sembra già essere serrato. Indiscrezioni trapelate già prima della vittoria vorrebbero alcune riconferme, come quella dell’assessore uscente Narciso Ricotta affermatosi come il più votato in assoluto il 31 maggio. Tornando ai fatti, alcune urgenze come l’approvazione del bilancio e l’adeguamento dello stadio Helvia Recina impongono a Carancini di comporre la nuova squadra e presentarsi al consiglio il prima possibile. Intanto le forze della coalizione ragionano sul da farsi.

L'avvocato Luciano Pantanetti

Luciano Pantanetti

I primi a muoversi sono quelli di Pensare Macerata: «Avevamo impostato il metodo già durante la campagna elettorale – dice la capolista Federica Curzi – preparandoci a fare una delegazione che sarebbe andata dal sindaco nell’immediato dopo voto in caso di vittoria della coalizione. Tra oggi e domani ci riuniremo per decidere le tre persone che andranno a confrontarsi con lui per concordare una rosa di nomi da presentargli». Molto più cauto il Pd prima forza politica cittadina che esprime 12 consiglieri nel nuovo consiglio: «Ad inizio della settimana prossimo convocheremo il direttivo a cui interverrà anche Romano – spiega Paolo Micozzi reintegrato nel ruolo di segretario dopo la tornata elettorale che lo ha visto candidato – Occorrerà tener conto delle diversità di genere e delle vari sensibilità interne del partito. Altro discorso per il criterio dei più votati. Se infatti un eletto si dimette dal consiglio per fare l’assessore qualcuno potrebbe anche dire che non fa il lavoro per cui è stato votato. Bisogna inoltre considerare che rispetto a 5 anni fa il consiglio è totalmente cambiato e oggi la maggioranza si compone di due partiti e tre civiche, di cui bisognerà tenere conto. L’importante sarà impostare la discussione serenamente con l’obiettivo di governare stabilmente la città».

Il nuovo Consiglio comunale

Il nuovo Consiglio comunale

Il Consigliere di Sel, Pierpaolo Tartabini.

Il Consigliere di Sel, Pierpaolo Tartabini.

Prende tempo la civica La Città di Tutti:« Non è stato deciso niente in tal senso prima dovevamo vincere le elezioni – dice l’assessore uscente Luciano Pantanetti –  in settimana o al massimo inizio settimana prossima ci riuniremo per stabilire i nomi da fare».

Temporeggia anche l’altra civica, Macerata Bene Comune: «Penso che ci prenderemo una decina di giorni per riflettere – dice Pierpaolo Tartabini – perché crediamo che queste decisioni debbano essere ampiamente collegiali. Condividiamo il metodo indicato dal sindaco e crediamo che ci debba essere una valutazione seria su chi dimostra capacità, esperienza e merito».

 

Massimo Pizzichini candidato dell'Udc al consiglio comunale

Massimo Pizzichini segretario comunale dell’Udc

Aspetta il verdetto della commissione elettorale l’Udc che potrebbe vedersi riconosciuto un altro seggio in consiglio: « Guardiamo attentamente a come si esprimerà la commissione che si riunisce oggi – dice il segretario comunale Massimo Pizzichini – in base a quel parere potremo vederci riconosciuto un consigliere in più per via dell’ambiguità nell’applicazione della legge sul premio di maggioranza. A quel punto potremo convocare il direttivo e fare una squadra di nomi al  sindaco (probabilmente 3-4) per metterlo nelle condizioni di fare una buona scelta».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X