«Servizio mensa in Area Vasta 3,
è un diritto di tutti: via alla vertenza
per il riconoscimento dei buoni pasto»

BATTAGLIA - Paola Ticani della Cisl Fp Marche: «Puntiamo anche al risarcimento, con retroattività di 5 anni, per tutti coloro che non hanno potuto usufruirne»
- caricamento letture

 

mensa-ospedale«In Area Vasta 3 il diritto alla mensa o al buono pasto sostitutivo non è per tutti, visto che ad alcune tipologie di dipendenti, che per distanza o per particolari orari di servizio non riescono a servirsi della mensa dell’ospedale, è stato sempre ingiustamente negato». Ad affermarlo Paola Ticani della Cisl Fp Marche. «Nonostante abbiamo più volte sollecitato l’azienda sanitaria, senza avere risposta, ci vediamo costretti oggi ad avviare una vertenza legale a tutela dei tanti colleghi che ad oggi non hanno possibilità di accedere alla mensa aziendale.

La nostra battaglia legale, gratuita per i lavoratori iscritti alla Cisl Fp Marche, punta al riconoscimento e risarcimento del valore del buono pasto sostitutivo, con retroattività di 5 anni, per tutti coloro che non hanno potuto usufruire del servizio in questi anni – sottolinea Paola Ticani, segretaria regionale Cisl Fp Marche -. Una situazione che merita una risposta anche alla luce dell’ultima sentenza della Cassazione 5547/2021 che ribadisce il diritto alla mensa o al buono pasto. In Area Vasta 3 questo diritto è ormai da troppo tempo disatteso per tanti lavoratori che non hanno la possibilità di accedere alle mense aziendali».

«Contagi in aumento tra gli operatori sanitari, la gestione dei pazienti Covid va rivista»

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =