«Inammissibili i comportamenti filo-novax
di alcuni assessori regionali
Acquaroli chiarisca posizione della Giunta»

COVID - La segreteria provinciale del Pd di Macerata attacca: «Gran parte dell'esecutivo, rispondendo ai richiami nazionali di Lega e Fdi, è contraria all’obbligo del green pass e intende pagare con i soldi dei marchigiani test salivari. La loro propaganda per tentare di accaparrarsi i consensi no-vax, è raccapricciante e mette le Marche agli ultimi posti per numero di vaccini somministrati. Gravi le dichiarazioni dell'assessore Giorgia Latini»
- caricamento letture

 

Segreteria-provinciale-pd

La segreteria provinciale del Pd

 

«Giunta regionale pro o contro i vaccini?» La domanda viene posta dalla segreteria provinciale del Pd di Macerata:  «La giunta regionale delle Marche non finisce mai di sorprendere – si legge nella nota -. Siamo increduli di fronte agli ultimi comportamenti filo-novax di alcuni esponenti dell’esecutivo regionale. La loro propaganda per tentare di accaparrarsi i consensi no-vax, dopo essersi personalmente vaccinati e messi al riparo, è raccapricciante e mette i marchigiani agli ultimi posti per numero di vaccini somministrati. Grazie a questo comportamento ambiguo, interessato e pernicioso, saremo la penultima regione a raggiungere l’immunità di gregge e rischiamo seriamente nuovi provvedimenti restrittivi a breve. Stando ai dati la nostra regione è passata da circa 15 casi di positività al covid ogni 100.000 abitanti, a quasi 78 casi in poco tempo, con la provincia di Macerata costantemente messa peggio rispetto alle altre; i ricoveri in terapia intensiva sono arrivati al limite della soglia per l’ingresso della regione in zona gialla. In questo scenario che ancora ci vede in piena lotta contro il virus, la contrarietà al vaccino per i giovani dichiarata dall’assessore Latini, l’averlo definito “sperimentale” e con conseguenze sconosciute nel tempo, sono affermazioni gravi che negano le evidenze scientifiche».
Prosegue la nota dei dem: «Gran parte della giunta regionale, rispondendo ai richiami dei partiti nazionali FdI e Lega, è contraria all’obbligo del green pass e intende pagare con i soldi dei marchigiani test salivari per tutti coloro che non intendono vaccinari. Qui non è il Partito Democratico a smentirli ma il Consiglio di Stato che ha recentemente respinto tutte le istanze di alcuni ricorrenti in questa direzione.
Staremo a vedere come il partito di Salvini si comporterà in Parlamento e qui nelle Marche quando il presidente Draghi proporrà l’introduzione dell’obbligo vaccinale, usciranno dal governo o continueranno a predicar bene ma razzolar male?»
Infine una sollecitazione al Governatore Francesco Acquaroli: «Chiediamo al Presidente di fare chiarezza riguardo alla posizione della giunta regionale sull’estensione dell’obbligo del Green Pass e su un eventuale obbligo del vaccino. È inammissibile che un assessore possa instillare dubbi così gravi nella popolazione, mettendone a rischio l’incolumità, senza alcun tipo di documentazione scientifica a sostegno delle proprie tesi. Il Pd prende le distanze da questi assurdi comportamenti e invita tutti quei soggetti ancora scettici, a vaccinarsi. Questo fondamentale strumento e il buon senso nei comportamenti quotidiani, ci consentiranno di uscire dal difficile periodo che stiamo vivendo».

L’ok della Conferenza Stato-Regioni: test salivari a campione nelle scuole «Le Marche fanno da apripista»

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X