Vertenza Elica, rinviato il tavolo al Mise
Casoli confermato alla presidenza

FABRIANO – Su richiesta delle parti la riunione in videoconferenza convocata per oggi è stata aggiornata a lunedì prossimo. Domani e il 1 maggio mobilitazione dei lavoratori e di Fim, Fiom e Uilm davanti agli stabilimenti di Mergo e Cerreto. Intanto l’assemblea degli azionisti del gruppo ha approvato il bilancio d’esercizio 2020 e nominato i componenti del Cda
- caricamento letture

inresso-Elica

 

Tavolo per la vertenza Elica al Mise: su richiesta di tutte le parti è stato aggiornato al prossimo 3 maggio (ore 16.30) l’incontro che si sarebbe dovuto tenere oggi, 29 aprile in video conferenza. Nel frattempo proseguirà anche nella giornata del 1 maggio lo stato di agitazione permanente con il presidio dei lavoratori, proclamato Fim-Fiom-Uilm dopo l’annuncio da parte dell’azienda di Fabriano del nuovo piano strategico che prevede 409 esuberi, la delocalizzazione in Polonia del 70% delle produzioni effettuate in Italia e la chiusura dello stabilimento di Cerreto D’Esi.

«In previsione dell’incontro il coordinamento Fim Fiom e Uilm del Gruppo conferma lo stato di agitazione e proclama per domani, venerdi 30 aprile, una giornata di mobilitazione degli stabilimenti di Mergo e Cerreto con le modalità che saranno decise dalle rispettive Rsu. Inoltre, per la giornata del 1 maggio, i/le dipendenti di Elica saranno in presidio davanti agli stabilimenti, proprio nella giorno in cui si celebra il Lavoro, principio fondativo della Costituzione, a difesa di ciò che questa azienda ha sempre rappresentato per la collettività del fabrianese e contro le scelte di un gruppo di manger che ne stanno invece distruggendo i valori e la storia e che dobbiamo in tutti i modi provare a fermare» va sapere il coordinamento sindacale del Gruppo Elica

175970330_3017517738523859_883360498801768999_n-325x183Intanto l’assemblea degli azionisti del gruppo Elica, riunitasi oggi in seduta ordinaria, ha approvato il Bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2020 ed ha nominati i componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale. Il nuovo Cda resterà in carica per gli esercizi 2021, 2022 e 2023, fino alla data dell’Assemblea convocata per l’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2023. I 7 consiglieri, proposti nella lista presentata dall’azionista di maggioranza Fan Srl, titolare del 52,81% del capitale sociale, e votati a maggioranza con il 99,92% delle azioni rappresentate, sono: Francesco Casoli, che ha assunto ancora la carica di presidente; Angelo Catapano; Giulio Cocci; Monica Nicolini; Elio Cosimo Catania; Susanna Zucchelli e Liliana Fratini Passi. «Alla data odierna, per quanto di conoscenza della società, – fa sapere in una nota la stessa Elica – nessuno dei consiglieri detiene azioni della stessa ad eccezione del presidente Francesco Casoli che detiene, direttamente 160.000 azioni e indirettamente 33.440.445 azioni». L’Assemblea dei Soci ha inoltre preso atto dei risultati consolidati realizzati nel corso dell’esercizio 2020. I principali risultati consolidati dell’esercizio 2020 parlano di 452,6 milioni di euro di ricavi, -5,7% rispetto all’esercizio precedente (-4,4% al netto dell’effetto cambio) per effetto del Covid-19 e del lockdown, in particolare nel secondo trimestre dell’anno.

Elica, il tradimento di Casoli e la Spoon River marchigiana

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X