Elezioni regionali - risultati in tempo reale

La Lega dice no alle elezioni a luglio
«Mandrakata di Ceriscioli,
non ci sono le condizioni»

MARCHE 2020 - Il senatore Paolo Arrigoni chiede che si voti a ottobre o novembre «per consentire il confronto tra forze politiche e cittadini, fondamento della democrazia». E attacca il governatore uscente: «Fa lo zar delle Marche con la scusa del Covid mettendo in campo iniziative più ad effetto che di sostanza per tentare di riguadagnare terreno»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Il senatore Paolo Arrigoni, responsabile Lega Marche

 

«No alle elezioni regionali a luglio: c’è bisogno di confrontarsi e programmare una fase completamente nuova». Il senatore Paolo Arrigoni, responsabile della Lega Marche, si dice contrario «all’accelerazione che il governatore uscente delle Marche vorrebbe imprimere al confronto politico». Ceriscioli, come anticipato da Cronache Maceratesi (leggi l’articolo), ha espresso l’intenzione di andare al voto in estate durante la riunione di maggioranza di giovedì sera, a differenza dell’indicazione data mercoledì dai capigruppo sull’election day in autunno. Ieri era stato Francesco Acquaroli, candidato governatore di Fdi a dichiararsi contrario (leggi l’articolo). In attesa di sciogliere le riserve sulla candidatura (proprio come il centrosinistra e Ceriscioli), anche la Lega oggi boccia il voto a luglio.

«Ceriscioli si scopre decisionista last minute dopo 5 anni di disastri, ma la mandrakata, la scommessa della vita, non gli riuscirà. La Lega dice no alle elezioni regionali in luglio a tutela dei marchigiani e del loro futuro: c’è bisogno di confrontarsi per un tempo adeguato, liberi dalle restrizioni legate al Covid, e programmare una fase completamente nuova – scrive Arrigoni in una nota –  Ceriscioli tenta di riguadagnare terreno dopo cinque anni in cui si è girato i pollici con effetti che sono sotto gli occhi di tutti, in primo luogo quelli della pessima gestione della sanità – continua il responsabile della Lega Marche – Fa lo zar delle Marche con la scusa del Covid mettendo in campo iniziative più ad effetto che di sostanza, giusto in tempo per la risonanza mediatica. L’ultima? Quella del suo bazooka finanziario per aziende e famiglie, lasciate senza aiuti per 2 mesi, su cui arriva buon ultimo abbondantemente dietro le altre regioni italiane. Piuttosto dica dove prenderebbe i soldi visto che, solo qualche giorno fa, ha respinto come insensata la mozione della Lega che aveva richiesto una misura da 100 milioni».

Arrigoni parla poi del «test per la riapertura di parrucchieri ed estetisti gestito come uno show e, soprattutto, l’ospedale Covid in Fiera che, nato per fronteggiare l’emergenza, ha cambiato finalità più volte per giustificare oltre un mese di ritardo e di cui, oltre al personale sanitario che è da reperire, sarà pronto a giorni solo il primo blocco di 28 posti sui 90 previsti».

«Elezioni regionali ad ottobre o novembre – conclude il senatore – per consentire il confronto tra forze politiche e cittadini, fondamento della democrazia e che riveste un ruolo decisivo un momento di gravissima crisi come quello verso cui stiamo andando. In ballo c’è il futuro delle Marche e dei marchigiani, non l’autoconservazione di una classe politica dal passato e dal presente talmente inconsistenti da dover ricorrere ai bazooka mediatici».

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X