facebook twitter rss

Coronavirus, primo caso del Maceratese
è un 33enne che lavora a Civitanova

COVID-19 - Si tratta di un ingegnere originario della provincia di Reggio Emilia, che frequenta spesso la città costiera della nostra provincia per via della sua professione. Ora è ricoverato all'ospedale di Fermo
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
2K Condivisioni

L’ingresso dell’ospedale di Fermo

 

AGGIORNAMENTO DELLE 20,30 – Emanata la nuova ordinanza della Regione: chiuse fino all’otto marzo tutte le scuole e le università e vietate le manifestazioni pubbliche. Rispetto al punto fatto stamattina dal governatore Ceriscioli, non cambiano i casi positivi complessivi delle Marche: 61. Nel testo dell’ordinanza, però, a differenza di quanto comunicato dal Gores in prima battuta, è cambiata la dislocazione dei casi stessi: nel Pesarese restano 55, nell’Anconetano scendono a 4 e nel Maceratese salgono a due. Resta da capire il caso del 33enne originario della provincia di Reggio Emilia, che lavora a Civitanova. Il suo potrebbe essere stato un caso non confermato dal secondo accertamento oppure un caso conteggiato in un altra città.

***

Solo questione di tempo e come era prevedibile è arrivato anche nella nostra provincia il primo caso di Coronavirus. Lo ha resto noto stamattina il governatore Luca Ceriscioli, in base all’ultimo aggiornamento fornito dal Gores (leggi l’articolo). Niente di allarmante, semplicemente uno dei tanti casi che ha portato il numero complessivo delle Marche a 61. Si tratta di un ingegnere di 33 anni, originario della provincia di Reggio Emilia, che ha un appartamento a Civitanova per motivi di lavoro. Il giovane appena ha avvertito i sintomi ha chiamato il numero verde dedicato della Regione Marche. Due medici, di cui un infettivologo, e un infermiere lo hanno sottoposto a tampone ed è risultato positivo. Da lì il ricovero a Fermo. Le sue condizioni non dovrebbero essere particolarmente gravi. Il conto complessivo quindi, stando all’ultimo bollettino del Gores, parla di due decessi (un 88enne e un 60enne entrambi del Pesarese e con patologie pregresse) e 61 i casi positivi: 55 nella provincia di Pesaro e Urbino, 5 in quella di Ancona, 1 in quella di Macerata. Oltre a questi, il governatore ha parlato anche di 425 persone in osservazione a domicilio. Per questo il presidente della Regione stamattina in Consiglio ha comunicato di aver telefonato al ministro della Salute Roberto Speranza, perché ha detto lui stesso «non escluderei la necessità di estendere le misure di contenimento», che al momento sono in vigore solo nel Pesarese.

(redazione CM)

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X