Nuova via Trento, giornata di attesa
Carancini convoca una conferenza

MACERATA - Dopo il risarcimento di quasi 4 milioni a cui è stato condannato il Comune, il sindaco si è preso 48 ore di riflessione. Parlerà domani. Lunedì il direttivo Pd
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

carancini-consiglio1-650x433

Il sindaco Romano Carancini in Consiglio

 

Dopo due giorni di riflessione, il sindaco Romano Carancini commenterà domani la batosta della condanna per la Nuova Via Trento. Il primo cittadino ha convocato una conferenza stampa a Palazzo Conventati, sede provvisoria del Comune. Stesso giorno, stesso orario (11,30) della conferenza dell’opposizione organizzata dal consigliere Riccardo Sacchi assieme ad altri esponenti di minoranza. La riunione di maggioranza è invece in programma  martedì all’indomani del direttivo del Pd fissato per lunedì sera dal segretario cittadino Stefano Di Pietro. Si parlerà di come affrontare quella che è a tutti gli effetti una batosta per il Comune di Macerata: la sentenza emessa mercoledì sera dal collegio arbitrale che ha riconosciuto alla società Nuova Via Trento spa – il cui socio di maggioranza è l’imprenditore Domenico Intermesoli – un risarcimento milionario.

In particolare gli arbitri – il presidente Gianfranco Castellaneta, Ermanno Calzolaio e Giorgio Fazi – hanno accolto in parte il ricorso della Nvt, imputando al Comune la mancata realizzazione della bretella di collegamento con via Murri  che sarebbe dovuta scendere da via Trento fino alla nuova viabilità che va verso Villa Potenza e il mancato restyling dell’ex Vam in via dei Velini: 2.184.633 euro di risarcimento nel primo caso, 690mila nel secondo. Ma il conto arriva a sfiorare i 4 milioni di euro se si sommano anche gli interessi, i costi bancari, quelli legali e le varie svalutazioni che hanno subìto gli immobili per il mancato completamento della lottizzazione.

Il sindaco, impegnato ieri a Roma, per ora ha solo parlato di “una sentenza profondamente ingiusta” ammettendo però di non avere avuto ancora modo di leggerla in maniera approfondita. Dopo essersi consultato oggi con il legale del Comune, l’avvocato Giuseppe Carassai, domani Carancini commenterà una vicenda che ha messo in imbarazzo l’amministrazione e l’intera maggioranza. Sempre ieri – per la prima volta – diversi consiglieri comunali del Pd (quasi tutti tranne il capogruppo Del Gobbo) hanno preso le distanze dalla scelta di pagare 46mila euro a una società privata (peraltro vicina al sindaco di Parma Pizzarotti, nel cui movimento è confluita la vicesindaca Stefania Monteverde) un rendiconto dell’attività amministrativa: «La delibera di giunta è stata presa in una seduta con la sola presenza oltre al sindaco, della vicesindaco e due componenti su otto, in un percorso che non è stato condiviso con il gruppo consiliare neppure con la segreteria cittadina».

Stessa critica – quella di prendere decisioni da solo senza consultarsi – che vengono mosse al sindaco anche per molte altre vicende che hanno tenuto banco in questi dieci anni, compresa quella della Nuova Via Trento. Dopo l’attacco frontale al parere negativo dei revisori dei conti che poche settimane fa avevano bocciato il bilancio avvertendo che l’ente stava correndo dei rischi, si attende ora il modo con cui questa volta il sindaco commenterà l’ennesima spina nel fianco. In questi dieci anni gli aggettivi sono stati soprattuto due: “vergognoso” ogni volta che è uscito sconfitto, “straordinario” per ogni risultato, anche piccolo, portato a casa dal Comune.

Attesa nei prossimi giorni anche una conferenza stampa dei legali di Nvt, Ubaldo Perfetti e Tina Fusari.

(redazione CM)

 

Comune condannato per via Trento, responsabilità erariale di Carancini: con gli interessi conto da quasi 4 milioni

Maxi risarcimento per via Trento «I revisori denigrati avevano ragione, si rischia la crisi di bilancio»

 

 

Via Trento, batosta per il Comune: a Intermesoli 2,8 milioni

Brochure di propaganda, il Pd prende le distanze da Carancini: «Scelte inopportune»

Bretella fantasma in via Trento, chiesti oltre 7 milioni di risarcimento

Nuova Via Trento, Carancini: “Dovevano essere gli Champs Elysées, restano solo gli interessi di Intermesoli”

La bretella fantasma di via Trento, simbolo di autocrazia e contorsione al potere

Il sindaco dall’insulto facile

Nuova Via Trento tratta per “la punta” Panni stesi al posto della bretella

La favoletta bella della riqualificazione di via Trento

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X