Maxi risarcimento per via Trento
«I revisori denigrati avevano ragione,
si rischia la crisi di bilancio»

MACERATA - Le reazioni dell'opposizione dopo la sentenza con cui il Comune è stato condannato a pagare 2,8 milioni. Marchiori (Gruppo misto) ricorda il parere del collegio e aggiunge: «Qui è il sistema del centrosinistra che non funziona». Sacchi (Forza Italia): «Dimissioni immediate del sindaco». Cherubini, Messi, Bocci (M5S): «Non è accettabile che i maceratesi paghino errori di amministratori che si sono dimostrarsi incapaci»
- caricamento letture

 

marchiori

Andrea Marchiori

 

di Federica Nardi

E’ un’estate di fuoco a Macerata e non per il caldo: la causa persa dal Comune contro Intermesoli e la società Nuova via Trento rischia di spaccare il già fragile equilibrio tra maggioranza Pd e sindaco Romano Carancini. Il Pd prenderà posizione domani, Carancini invece è a Roma per un impegno con la Aato3 e ancora non risponde sulla vicenda. Mentre l’opposizione già grida vendetta per un esito annunciato e ignorato, scritto nero su bianco nel parere negativo – contestato dall’amministrazione – dei revisori dei conti. A pagina 32 della relazione infatti i revisori lo avevano detto e lo ricorda Andrea Marchiori, consigliere di minoranza del gruppo misto: «Per il contenzioso con la Nuova via Trento avevano indicato un rischio di circa 2,7 milioni». Il risarcimento stabilito dal giudice non si discosta molto: 2,8 milioni, più interessi, per un totale di circa 4 milioni. Peccato che a bilancio, nel consuntivo 2018, il fondo rischi arrivi solo a 2 milioni (con l’altro milione e mezzo consigliato dai revisori che è stato “spalmato” nei bilanci preventivi e quindi non ancora contabilizzato). «Per non andare incontro a una crisi di bilancio toccherà fare una revisione generale, e al più presto – spiega Marchiori -Non sono certo felice di questo esito ma va fatta una valutazione politica precisa, che va al di là del sindaco Carancini».

carancini

Il sindaco Romano Carancini

Primo punto. «I revisori, tanto denigrati, avevano ragione e la loro previsione si è rivelata prudente e non fantasiosa – sottolinea Marchiori – A fronte di quel parere negativo il Consiglio ha approvato comunque il bilancio. Qui è il sistema del centrosinistra che non funziona. L’opera nasceva dalla volontà del Comune e poi è stata proprio la parte pubblica a disattendere gli impegni che si era presa con il privato. Nessuno della giunta è estraneo a questa questione: la “giunta delle transazioni” (basti pensare al ParkSì o alle piscine) che ha deciso di non farne una proprio in questo caso, dove evidentemente avevano torto». La questione, prosegue Marchiori, è tanto più «grave perché ci ritroviamo a risarcire un danno per un’opera non fatta e che non si farà. Quindi la collettività paga e nemmeno abbiamo l’opera. E’ un danno anche per chi, convinto della realizzazione, aveva a suo tempo acquistato gli immobili». Riccardo Sacchi di Forza Italia chiede «dimissioni immediate e incondizionate di sindaco e maggioranza», in un commento scritto in calce al nostro articolo, dove annuncia anche di voler interessare della questione la Corte dei conti.

ConsiglioComunale_Orim_FF-4-650x434

Roberto Cherubini

Roberto Cherubini, Carla Messi e Andrea Boccia del M5s, considerano intollerabile quanto accaduto. «Non è accettabile che i maceratesi paghino errori di amministratori che si sono dimostrarsi incapaci in 10 anni da dimenticare – commenta il consigliere pentastellato – Abbiamo ribadito in più circostanze che un commissario avrebbe evitato i gravi danni fatti da questo politica che non è più passione ma mestiere. Ricordiamo con lucidità i disegni faraonici presentati da Meschini e dal capogruppo Carancini su Via Trento, che oggi è un “non luogo” come piazza Pizzarello, Valleverde e purtroppo anche il centro storico. Il mestiere in politica porta alla programmazione a breve ed alla ricerca non del bene comune ma del consenso facile. La passione porta invece alla programmazione a lungo termine per cambiare le dinamiche negative cittadine e magari disegnare una città sostenibile per il futuro e ricostruire una coesione sociale distrutta. Valuteremo le decisioni da intraprendere consultando gli avvocati del movimento».

Via Trento, batosta per il Comune: a Intermesoli 2,8 milioni

Il Consiglio approva il bilancio «Sarà dura per chi verrà dopo Carancini, ha ipotecato la città fino al 2030»

“Nuove piscine” in bilancio E Carancini non accetta parere negativo: «Scandaloso quanto fatto dai revisori»

I revisori bocciano il bilancio 2018, nel mirino contenziosi e consulenze



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X