Botte alla sede della Rata, Sabato:
“Situazione stipendi complicata
ma siamo concentrati sulle partite”

CAOS BIANCOROSSO - Il difensore ieri pomeriggio è stato colpito da un pugno dal patron Spalletta. "Sull'episodio preferisco non dire niente. Non sono pentito di essere qui, sono felice di trovarmi in questa squadra". E intanto l'imprenditore La Cava pagherà i 3mila euro della trasferta a Forlì
- caricamento letture
Sabato_Foto-LB

Il difensore Rocco Sabato in azione con la maglia biancorossa

 

di Gianluca Ginella

«Di quanto accaduto ieri preferiscono non parlare. Certo, la situazione, per gli stipendi, è difficile e complicata ma noi ci preoccupiamo di fare i calciatori». Così il difensore della Maceratese, Rocco Sabato, che ieri pomeriggio nella sede della Maceratese è stato colpito con un pugno, che ha parzialmente schivato, dal presidente del club, Filippo Spalletta (leggi l’articolo). Sabato è arrivato dalla Vibonese come rinforzo di gennaio del club, aveva già giocato con i biancorossi nella passata stagione. «Non sono per nulla pentito, sono felice di essere qua» dice il calciatore, 35 anni, originario di Potenza. Sabato, che questa mattina ha incontrato uno dei suo legali, l’avvocato Gabriele Cofanelli (è assistito anche da Fabrizio Giustozzi), è concentrato sulla partita che i biancorossi domani giocheranno a Forlì. Una trasferta che peraltro verrà pagata (circa 3mila euro il costo) dall’imprenditore Giorgio La Cava che è interessato ad entrare nel club ma sta cercando un paio di soci, magari locali, che possano affiancarlo nella gestione della società. L’ipotesi è dividere le quote al 30 percento.

spalletta_sivieri_Foto-LB

Filippo Spalletta con l’ad Simone Sivieri

«Calcisticamente siamo nella fase cruciale della lotta per la salvezza. Distratti dalle vicende societarie? No, ormai sono due mesi che la cosa va avanti e ci abbiamo fatto il callo. Siamo concentrati sulle partite». Ieri pomeriggio Sabato, insieme ad altri calciatori, hanno raggiunto la sede della Maceratese, a Sforzacosta di Macerata, per incontrare il patron Spalletta. Sabato avrebbe chiesto al presidente di parlargli, dopo aver atteso gli ha chiesto di nuovo di incontrarlo e a quel punto le cose sono precipitate e Spalletta gli ha sferrato un pugno. Sabato è riuscito con un riflesso ad evitare di essere colpito in pieno volto. Lo stesso Spalletta in seguito sarebbe stato colpito dai calciatori presenti. Sabato, da quanto emerge, non ha sporto denuncia sull’accaduto e la direzione è quella di cercare di stemperare i toni in una situazione societaria caotica e ricca di continui colpi di scena. Come l’addio dell’Ad Simone Sivieri che secondo alcune fonti sarebbe legata, almeno in parte, a quanto accaduto ieri pomeriggio in sede.

 

Sabato_Foto-LB-1-650x518

Il difensore della Maceratese Rocco Sabato

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X