La Maceratese fa acqua,
il Pordenone fa poker

LEGA PRO - I friulani espugnano l'Helvia Recina con un sonoro 4 a 2 sfruttando le disattenzioni difensive degli uomini di Giunti. I tifosi della curva intonano cori chiedendo alla Tardella di vendere la società. In tribuna i possibili emissari della cordata toscana interessata all'acquisto
- caricamento letture

 

gol-ventola_foto-lb-1

Il gol del momentaneo vantaggio della Maceratese firmato da Gattari

 

di Matteo Zallocco

(foto di Lucrezia Benfatto)

La Maceratese perde in casa prendendo quattro gol, di cui tre sugli sviluppi di un corner. All’Helvia Recina la differenza l’hanno fatta i calci piazzati, con il Pordenone che ha saputo sfruttare al meglio le evidenti lacune difensive degli uomini di Giunti. Il portiere Forte (il migliore dei biancorossi) è lo stesso dell’anno scorso, ma la difesa no e si vede: Perna e compagni soffrono la fisicità avversaria e ogni azione degli ospiti fa tremare. La Maceratese si è trovata di fronte un attacco di tutto rispetto (Arma-Berrettoni è una delle coppie meglio assortite del campionato) e una squadra che continua a viaggiare nelle zone altissime della classifica con 13 punti in 6 partite, una sola lunghezza dietro alla capolista Venezia. Dall’altra parte i biancorossi si ritrovano con soli tre punti (frutto di altrettanti pareggi) e la consapevolezza che non sarà facile centrare la salvezza.

tifosi-maceratese_foto-lb-2

 

maceratese-podenone_foto-lb-6

 

Fuori dal campo la situazione sembra ancora più incerta. Scongiurato il rischio porte chiuse per la vicenda steward, i tifosi della curva Just intonano a più riprese il coro “devi venderla” riferito alla presidente Tardella. In tribuna si nota la presenza di due probabili emissari della cordata toscana di cui si parla da tempo. Davanti agli occhi dei possibili acquirenti la formazione di Giunti inizia bene la partita creando tre opportunità da rete nei primi dieci minuti per poi passare in vantaggio al 21′: punizione dal vertice sinistro dell’area di Quadri, Gattari svetta e buca Tomei. Nemmeno il tempo di gioire e il Pordenone pareggia dopo appena 150 secondi: cross di Martignago, sponda sul secondo palo di Arma, Berrettoni si catapulta sulla sfera e mette in rete. La seconda grave disattenzione difensiva costa cara ai padroni di casa che, al 12′, erano stati salvati da Forte, bravissimo a respingere una conclusione a botta sicura di Berrettoni lasciato solo in area. Al 34′ una trattenuta plateale, quanto ingenua, di Broli su Semenzato consente al Pordenone di portarsi sul 2 a 1 con il calcio di rigore trasformato in maniera impeccabile da Arma. Tre minuti dopo episodio dubbio nell’area friulana: Petrilli che tenta un dribbling e cade a terra ma il direttore di gara non fischia tra le vibranti proteste dei giocatori e del pubblico. La partita è vivace, la Maceratese spinge e in fase di costruzione non dispiace. Al 40′ De Grazia va sul fondo e mette al centro un pallone d’oro per Colombi che manda a lato. Sul capovolgimento di fronte Berrettoni di testa colpisce la traversa da due passi, sulla respinta arriva l’incornata vincente di Arma ma il gioco è in fermo per un fallo in attacco.

Il gol del 2 a 2 di Ventola

Il gol del 2 a 2 di Ventola

 

colombi_foto-lbStessa musica nella ripresa. Al 4′ Forte salva la Maceratese togliendo dalla porta il colpo di testa di Berrettoni. Passano due minuti e arriva il gol del pareggio con un altro difensore, il terzino Ventola. Al termine di una caparbia azione personale il numero 14 trafigge Tomei in diagonale. La gara è indirizzata sui binari dell’equilibrio quando – come un fulmine a ciel sereno – il Pordenone trova la terza rete al 27′: corner di Burrai, Arma sul secondo palo arriva prima di tutti e al volo mette in rete. Quattro minuti dopo gli ospiti chiudono la partita sfruttando ancora un calcio d’angolo: il neo entrato Cattaneo riprende la respinta della difesa ed esplode un gran sinistro al volo che finisce sotto la traversa. Corre il 31′ e la partita trova il suo risultato definitivo: 4 a 2. L’unico sussulto nel finale arriva ad opera dei neo entrati: assist di Mestre, Allegretti spara alto. Il secondo campionato della Maceratese in Lega Pro è iniziato male. Ora si attendono risposte sul fronte societario.

maceratese-podenone_foto-lb-4Il tabellino:

MACERATESE – PORDENONE 2 – 4

MACERATESE (4-3-3): Forte 7; Ventola 6 (39’s.t. Mestre s.v.), Gattari 6, Perna 5, Broli 5; De Grazia 5.5, Malaccari 5.5, Quadri 5.5 (42’s.t. Allegretti s.v.); Turchetta 5 (13’s.t. Palmieri 5,5), Colombi 5.5, Petrilli 6. A disp.: Moscatelli, Gremizzi, Bondioli, Marchetti, M. Massei, A. Massei, Quadrini, Franchini, Cantarini. All.: Giunti.

PORDENONE (4-4-2): Tomei 6; Semenzato 6.5, Stefani 6, Parodi 6, De Agostini 6; Buratto 6.5, Misuraca 6, Burrai 6.5, Martignago 7 (16’s.t. Cattaneo 7); Arma 7 (46’s.t. Broh), Berrettoni 7 (19’s.t. Pietribiasi 6). A disp.: Pellegrini, Azzi, D’Arsie, Marchi, Raffini, Gerbaudo, Filinsky. All.: Tedino.

TERNA ARBITRALE: Giampaolo Mantelli di Brescia (Scarica di Castellammare di Stabia – Vettorel di Latina)

RETI: 21’p.t. Gattari, 24’s.t. Berrettoni, 36’p.t. Arma (rig.), 7’s.t. Ventola, 26’s.t. Arma, 31’s.t. Catteneo

NOTE: spettatori 900 circa. Ammoniti: Petrilli, Ventola, Gattari, Burrai. Angoli 5-6. Recupero: 5′ (1’+4′).

tardella_stambazzi_foto-lb

La presidente Tardella in tribuna con il diesse Stambazzi

gol-ventola_foto-lb-2

Gattari esulta dopo il gol dell’ 1 a 0 per la Maceratese

maceratese-podenone_foto-lb-2

esultanza-pordenone_foto-lb

 

palmieri_foto-lb

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X