Civitanovese, Favellato va giù pesante
“Patitucci dice bugie, non possiede
nessuna quota della società”

CAOS ROSSOBLU - L'imprenditore molisano non le manda a dire: "Il presidente è coinvolto in un fallimento relativo alla Asia Global Sourcing srl. Le quote della B & L Industries (azienda proprietaria del 100% della Civitanovese Calcio) risultano essere intestate per l’87,50% a Sabina Santaniello e per il 12,50% ad una società con sede a Malta quindi lui non ha alcun ruolo. Anzi, non seguendo la società l'ha fatta sprofondare in una situazione debitoria catastrofica". Secco il patron: "Non sono più disposto a replicare ma lo farò solo nelle sedi più opportune"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Patitucci, Micco e Favellato

Patitucci, Micco e Favellato

di Maikol Di Stefano

Non c’è pace per la Civitanovese. Dopo il botta e risposta al veleno, andato in scena ieri, tra il presidente Luciano Patitucci e Vittorio Favellato, oggi si ricomincia. A parlare è nuovamente l’imprenditore molisano: “Ritengo le dichiarazioni del signor Patitucci del tutto prive di verità e fondamento – fa sapere Favellato – non ho mai dato alcun titolo o assegno al signor Mecomonaco ed al suo staff, non so neppure che faccia abbiano questi signori”. Inizia con queste parole, la controffensiva di Favellato alle dichiarazioni che ieri il presidente della Civitanovese aveva rilasciato alla stampa. “Come indicato nel contratto preliminare, firmato dalla proprietà B & L Industries srl, – prosegue l’imprenditore molisano – è stato indicato che i pagamenti sarebbero succeduti al termine della due diligence. In virtù di ciò è stato affermato dal signor Luciano Patitucci, in diverse occasioni, tra cui nella conferenza del giorno 12 febbraio che non essendo stato presente in sede, non sapesse quale fossero i debiti da saldare, altra bugia di Luciano Patitucci”. Il numero uno della Civitanovese quindi, a detta di Favellato, era perfettamente a conoscenza della situazione debitoria della società. Nonostante dinanzi ai giornalisti, avesse fatto capire di essere stato usato da “bancomat”, senza aver mai conosciuto veramente i crediti e i debiti in essere alla Civitanovese.

La tifoseria della Civitanovese

La tifoseria della Civitanovese

Inoltre la proprietà B & L Industries srl, ha acquisito in sede di firma del contratto preliminare di cessione di quote, una mia fideiussione personale – afferma il ventisettenne di Isernia – A garanzia che tutte le spettanze e le obbligazioni venissero onorate. Clausola essenziale affinché il contratto potesse essere sottoscritto”. Favellato rivendica quindi un accordo, già firmato con la B&L società proprietaria dei rossoblu. Non solo, attacca Patitucci, spiegando come in realtà il presidente della Civitanovese non figuri in alcun atto. “Puntualizzo che a seguito di verifiche effettuate, lo stesso – spiega Favellato riferendosi a Patitucci – risulta essere coinvolto in un fallimento relativo alla società Asia Global Sourcing srl di Roma. Inoltre il signor Patitucci, non ha alcuna carica o incarico formale all’interno dell’organigramma della società B & L Industries: le cui quote risultano essere intestate per l’87,5% a Sabina Santaniello e per il 12,5% ad una società con sede a Malta. Pertanto la società non appartiene al suo gruppo, al contrario di quanto da lui affermato in diverse occasioni”. Quindi, se le parole di Favellato venissero confermate, Patitucci in realtà non sarebbe nient’altro che un presidente onorario della società e non l’imprenditore che la finanzia.Ad eccezione della società in via di fallimento – prosegue Vittorio Favellato – non risultano altre società a lui collegate o intestate. La Civitanovese calcio è partecipata al 100 % dalla B & L Industries srl e amministrata dalla signora Sabina Santinello.

Luciano Patitucci, presidente della Civitanovese

Luciano Patitucci, presidente della Civitanovese

Quindi lo stesso riveste il ruolo di presidente ai fini Lega, poiché essendo coinvolto in procedure fallimentari non può rivestire cariche di alcun tipo come previsto dalle norme vigenti in materia civile”. Bisogna ora capire, se dalla società di via Martiri di Belfiore arriverà una risposta alle accuse dell’imprenditore. Il quale non le ha di certo mandate a dire, portando ancora più nebbia su una situazione già alquanto enigmatica. “Di fronte a simili dichiarazioni, – conclude l’imprenditore edile molisano – rimango del tutto allibito. In quanto i miei propositi, sono volti solo a rendere possibile la salvezza e quindi il proseguimento del calcio a Civitanova. Al contrario di quanto fatto finora dall’attuale presidente; il quale non ha mai seguito la società facendola sprofondare in una situazione debitoria catastrofica. Chiedo alle autorità competenti, di controllare l’operato svolto in questi mesi dal presidente Luciano Patitucci alla guida della Civitanovese calcio”.

E in tutto questo il numero uno rossoblu Luciano Patitucci cosa dice? “Dopo l’ennesimo comunicato privo di fondamento non sono più disposto a replicare – dice l’imprenditore romano – ma lo farò solo nelle sedi più opportune”. Intanto oggi riprendono gli allenamenti, a dirigerli ci dovrebbe essere ancora Giorgio Carrer, ma visti gli episodi delle ultime settimane, il condizionale è d’obbligo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X