Debiti per 60mila euro con i fornitori:
pignorato l’incasso della Civitanovese

SERIE D - L'ufficiale giudiziario ieri ha sequestrato i circa 3mila euro dei biglietti venduti per la partita contro il Chieti. L'iniziativa nasce dalle società Perini srlf e dalla Eurobus
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Il presidente della Civitanovese Luciano Patitucci

Il presidente della Civitanovese Luciano Patitucci

di Gianluca Ginella

Incasso pignorato alla Civitanovese dopo la partita in casa con il Chieti (leggi l’articolo). L’ufficiale giudiziario si è presentato allo stadio al termine della partita (circa 500 i tifosi che ieri hanno assistito al match) per sequestrare l’incasso (sui 3mila euro). Il pignoramento nasce dalle richieste di due società che lamentano di non essere state pagate: la Perini srlf, che fornisce il materiale tecnico alla società rossoblu, e l’Eurobus che noleggia i pullman utilizzati dalla squadra per muoversi durante le trasferte. La Perini, assistita dall’avvocato Sandro Moroni, lamenta un debito di circa 50mila euro per il mancato pagamento di kit (borsoni con tute, magliette, giacconi della società) per l’attuale stagione e per tutte le squadre della Civitanovese a partire dalla scuola calcio (ad eccezione della prima squadra), denaro che doveva essere versato tra l’ottobre e il dicembre scorso. Tra l’altro l’azienda, visto l’impegno della società di acquistare i kit per tutto il settore giovanile, aveva deciso di fornire gratuitamente il materiale tecnico alla prima squadra.

Una fase del match di ieri tra Civitanovese e Chieti

Una fase del match di ieri tra Civitanovese e Chieti

Non essendo stati pagati dall’attuale gestione i kit, la Perini ha fatto un decreto ingiuntivo per ottenere il pagamento del debito, ma non c’è stato seguito da parte della società (leggi la lettera aperta del presidente Patitucci sulle difficoltà economiche dei rossoblu) e da qui è stato disposto il pignoramento. Strada percorsa anche dalla società che fornisce i bus (assistita dall’avvocato Pietro Siciliano) e che lamenta un credito con i rossoblu che si aggira sui 10mila euro in merito al noleggio dei pullman. L’incasso di ieri però non copre che una parte del debito, un guaio ulteriore per una società in crisi di risultati, sconfitta ieri per 2 a 1 in casa dalla formazione abruzzese, e che si trova anche a dover far fronte alle recenti dichiarazioni del mister Antonio Mecomonaco che si è sfogato dopo la serie di risultati negativi: «bisognava fare meglio anche da altre parti e non solo in campo» ha detto dopo la sconfitta col Chieti (leggi l’articolo).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X