Cesare Paciotti, via al rilancio
Rifiutato partner arabo
“Ritorniamo al passato”

CIVITANOVA - In tre anni l'azienda verrà risanata. La proprietà rimarrà tutta in mano ai fratelli Cesare e Paola Paciotti. Chiusi i negozi a gestione diretta sparsi per il mondo. Verranno tenuti solo i punti vendita di Londra e Parigi oltre a quello di Roma e Milano. L'amministratore Pierluigi Alviggi: "Sono arrivate offerte per svenderla ma abbiamo rifiutato"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Cesare Paciotti e Paola Paciotti

Cesare Paciotti e Paola Paciotti

di Marina Verdenelli e Laura Boccanera

Cesare Paciotti, pronti al rilancio. In tre anni la storica azienda calzaturiera con sede a Civitanova verrà risanata. Nessun nuovo partner all’orizzonte, il marchio rimarrà nelle mani dei fratelli Cesare e Paola Paciotti. E’ questione di giorni e già prima di Natale sarà messo a punto il piano definitivo per riportare in alto il brand. «In tanti hanno provato a farsi avanti per avere in saldo un’azienda che vale molto di più – spiega il commercialista Pierluigi Alviggi, già amministratore della Cesare Paciotti e oggi tornato con delega sul concordato – ma abbiamo rifiutato. C’è stato anche un arabo ma l’azienda ripartirà dai Paciotti e basta». Niente esterni ma un ritorno al passato puntando sulle scarpe, il prodotto cult dei Paciotti. Smentite le voci sulla presenza di un investitore cinese. «Non c’è nessun cinese – puntualizza Alviggi – si sono fatte avanti tante cordate più o meno credibili ma erano interessate solo ad un acquisto vantaggioso e ad un smantellamento della produzione che i Paciotti non intendono fare». Per il delegato al concordato l’azienda in tre anni al massimo verrà risanata. A questo punterà il piano di rilancio che come prima cosa vedrà la chiusura di tutti i negozi a gestione diretta sparsi nel mondo ad eccezione di quattro. «Verranno mantenuti solo quelli a Parigi e Londra insieme a Roma e Milano. Gli altri, sedici in tutto, saranno di chi vorrà rilevarli e gestirli direttamente con il prodotto». Si ripartirà dalle scarpe e dall’abbigliamento.

L'azienda di Paciotti

L’azienda di Paciotti

Così la storica azienda calzaturiera sta cercando di riportare in alto il brand dopo la crisi dei mesi scorsi. Era l’inizio di gennaio del 2014 quando la notizia del concordato preventivo esplose come una bomba in città, ma anche in tutto il panorama nazionale (leggi l’articolo). Uno dei marchi più amati e noti del fashion system era in acque agitate. Un duro colpo per i dipendenti, ma soprattutto per fornitori e creditori, preoccupatissimi dalla misura finanziaria e dalle conseguenze del provvedimento. Il piano di rilancio doveva essere pronto per ottobre, un ritardo che si è accumulato, ma che ormai è in dirittura d’arrivo. A scuotere l’azienda fu il mancato introito di circa 6 milioni di euro con la necessità di rivedere indebitamenti finanziari e pagamenti ai fornitori, oltre che rimodulare completamente il marketing e l’economia del brand. Il tribunale nominò come commissari giudiziali Paola Rossi e Luca Mira. I dettagli del progetto si stanno definendo in questi giorni. «I professionisti sono al lavoro per mettere a punto un piano definito – spiega Fiorenzo Principi, avvocato dei Paciotti – Il progetto sarà poi sottoposto all’adunanza dei creditori che dovranno decidere se votarlo oppure no». La data per ora è fissata a dicembre.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X