Striscione in piazza Mazzini contro la statua
Il Comitato: “Non entreremo in polemica”

Blitz nella notte di Forza Nuova. Giancarlo Cossiri preferisce non rispondere ai parrocci di Macerata: "Ci rimetteremo alla decisione del Consiglio comunale"
- caricamento letture

 

giancarlo_cossiri

Giancarlo Cossiri

Giancarlo Cossiri, presidente del Comitato “Stringiamoci a Coorte”  che ha presentato al Comune il progetto per una statua sul 150° dell’Unità d’Italia da collocare in piazza Mazzini o in largo San Giorgio, preferisce non rispondere alla lettera dei parrocci di Macerata che hanno detto a chiare lettere “No alla statua, esaltazione della massoneria” (leggi l’articolo).”La polemica non fa bene a nessuno – dice Cossiri – Noi aspettiamo serenamente la votazione del Consiglio comunale (l’assise si dovrebbe esprimere prima della pausa estiva, ndr), se la proposta sarà rigettata ci ritireremo in buon ordine, se si deciderà per il sì saremo contenti. Ma credo che si debba parlare del progetto senza tutte queste polemiche”.

La proposta in ogni caso fa discutere, basti vedere i tanti commenti – favorevoli e contrari – arrivati in questo peirodo su Cronache Maceratesi.  “Devono essere i maceratesi a decidere” hanno scritto alcuni.  “Conoscere bene il progetto, le scritte e poi un bel referendum cittadino!”, è la proposta di Carlo Valentini.

 

 

NoStatua2-300x225Intanto la scorsa notte Forza Nuova ha affisso uno striscione in piazza Mazzini con scritto “No alla statua massonica”. “La massoneria oltre ad essere una setta è un movimento anti-tradizionale, – afferma Tommaso Golini, coordinatore provinciale di FN – che copia simboli e riti da tutte le tradizioni, se ne impossessa e le mischia, cambiandone il vero significato originale. E’ un’associazione a carattere segreto, ed è risaputo come gli appartenenti a tali Logge pratichino “rituali magici” che nulla hanno a che vedere con la nostra Tradizione Cristiana ed Europea. Le ultime inquietanti rivelazioni sul caso dell’omicidio di Melania Rea, che hanno messo in luce una setta massonica militare che si muove nell’ombra che amalgama i suoi iscritti con riti satanici a base di sesso e droga, e il successivo allontanamento dall’indagine del PM Ferraro che evidentemente aveva scoperto cose che non doveva scoprire, ne rappresentano la prova schiacciante. Non possiamo pertanto permettere che venga innalzato un monumento a tali organizzazioni nella nostra città”.

NoStatua3-300x225



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X