«Niente cibo a gatti e cani randagi,
chi lo fa sporca il centro
e minaccia igiene urbana e decoro»

BOLOGNOLA - Ordinanza della sindaca Cristina Gentili: «L'alimentazione incontrollata richiama un gran numero di esemplari anche nelle zone più centrali del paese fino ad arrivare in quantità incompatibili con l'ecosistema urbano»

- caricamento letture
IMG_20210501_164659_609-325x244

La piazza di Bolognola

Ordinanza che vieta di dare da mangiare a gatti randagi, nelle zone aperte al pubblico, piazza e giardini di Bolognola. Basta oltrepassare di venti metri la piazza e dove termina il centro abitato del paese, è di nuovo possibile dar da mangiare agli animali senza incorrere in alcun divieto. La segnalazione arriva da alcuni frequentatori del centro montano.

Si legge nell’ordinanza comunale emessa a fine novembre: «Divieto di somministrare alimenti di qualsiasi natura in forma diretta o indiretta, ai gatti e cani, anche randagi su aree pubbliche o aperte al pubblico, centro abitato (case di civile abitazione e attività economiche), con espresso divieto di gettare granaglie, sostanze e scarti o avanzi alimentari».

SindaciCratere_LauroRossi_FF-3-325x217

Cristina Gentili, sindaca di Bolognola

Chi non la rispetta rischia una sanzione da 25 a 500 euro. L’ordinanza è stata così motivata dall’amministrazione comunale: «Frequenti inconvenienti derivano dalla presenza di gatti e cani randagi, l’incremento della popolazione di gatti era ed è tuttora principalmente determinato dalla somministrazione di cibo. Chiunque alimenta indistintamente i gatti randagi, sporca col cibo somministrato agli animali, le aree pubbliche o aperte al pubblico. L’alimentazione incontrollata richiama un gran numero di esemplari anche nelle zone più centrali del paese fino ad arrivare in quantità incompatibili con l’ecosistema urbano. E’ necessario garantire l’igiene e il decoro del suolo pubblico e dell’abitato, nonché la tranquillità dei cittadini e prevenire le possibili ricadute sul piano igienico-sanitario derivanti dalla presenza di una popolazione numericamente rilevante di gatti randagi in condizioni ambientali per essa non favorevoli. Così tuteliamo anche la salute pubblica e cerchiamo di sfavorire la maggiore diffusione di malattie specifiche tra gli animali». La sindaca, Cristina Gentili, aggiunge: «è stata creata più di 5 anni fa la colonia felina e c’è chi si occupa dei gatti tutto l’anno. Per questo è stato vietato di dare da mangiare ovunque ai gatti perché ci sono persone e luoghi apposta per farlo».

(Redazione Cm)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X