Vaccini, assalto anche a Civitanova:
oltre un migliaio in coda all’open day
«Non è necessario, prenotatevi» (FOTO)

COVID - Le scene viste ieri a Tolentino, si sono ripetute anche oggi all'hub di via Gobetti. Un serpentone di persone in attesa fin dalla notte, le 650 dosi disponibili sono bastate per vaccinare circa metà fila. L'assessore Saltamartini rinnova l'appello lanciato ieri: «La prenotazione resta lo strumento principale. Riusciremo a fare tutte le terze dosi entro il 31 gennaio. Chi si è prenotato ed è andato oltre il 1 febbraio, verrà ricontattato con un sms e anticipato». L'attacco di Francesco Micucci: «Una disorganizzazione totale, non potevano prevedere che ci sarebbe stata una folla enorme?»
- caricamento letture
code-centro-vaccinale4-650x366

La lunga coda di stamattina all’hub vaccinale di Civitanova

Cambia lo scenario, cambia l’orchestra ma la musica è sempre la stessa: persone ammassate in coda fin dalla notte, lunghe fila d’auto, mugugni e dosi che non bastano per tutti. Quello che era successo ieri alle Terme di Santa Lucia a Tolentino e in altri hub della regione, si è ripetuto anche oggi a Civitanova per l’open day vaccinale dalle 8 alle 13.

open-day-centro-vaccini-code-civitanova-FDM-4-325x217C’è anche chi ha atteso in auto durante la notte, poi dalle prime luci della mattina sono iniziate ad arrivare persone in via Gobetti con la speranza di poter fare la prima, la seconda o la terza dose di vaccino anti Covid senza prenotazione. E pian piano la coda è diventata un serpentone con oltre un migliaio di persone. A controllare che tutto filasse liscio, la Protezione civile e poi sono arrivati anche polizia, carabinieri e vigili urbani. Nessun momento di tensione particolare, ma polemiche e proteste sì. Le dosi a disposizione all’inizio erano 500, poi ne sono state aggiunte altre 150, per un totale dunque di 650. E quando gli addetti hanno iniziato a distribuire i numeri corrispondenti, si è arrivati sì e no a metà fila. In pratica più della metà delle persone presenti è dovuta tornare a casa senza potersi vaccinare. Gli altri piano piano sono entrati e hanno seguito l’iter per la vaccinazione con medici e infermieri.

open-day-centro-vaccini-code-civitanova-FDM-3-325x217L’assessore regionale alla Sanità Filippo Saltamartini rinnova dunque l’appello già lanciato ieri: «Gli open day sono stati pensati come rimedio eccezionale per chi ancora deve fare la prima dose, per evitare che queste persone si ammalino e finiscano in terapia intensiva- rilanciaPer tutti gli altri il sistema principale resta la prenotazione. Anche ieri abbiamo mantenuto la media e siamo riusciti a fare oltre 16mila somministrazioni con il sistema delle prenotazioni. Ripeto, riusciremo a fare tutte le terze dosi entro il 31 gennaio. Chi si è prenotato ed è andato oltre il 1 febbraio, verrà ricontattato con un sms  e spostato entro fine gennaio. Invito dunque tutti a prenotarsi nell’hub della propria città o delle propria zona».

open-day-centro-vaccini-code-civitanova-FDM-7-325x220«Il sistema è pronto, lo dicono i dati, siamo tra le pochissime regioni in Italia che riescono a fare 18mila vaccini a giorno, siamo secondi per uso dei monoclonali come terapia e gli unici insieme alla Liguria ad aver fatto lo screening preventivo per gli studenti, quindi siamo in grado di gestire la pandemia e non bisogna cedere al panico affollando gli hub negli open day – conclude Saltamartini -. Poi le critiche sono legittime in un paese democratico, ed è vero come diverse cose non funzionano bene così come in tutta Italia, ma non dimentichiamoci che è questo è un virus in continua evoluzione, che la scienza aggiorna di continuo le proprie conoscenze e che quindi anche noi di riflesso dobbiamo continuamente stare al passo».

open-day-centro-vaccini-code-civitanova-FDM-6-325x217AGGIORNAMENTO DELLE 14,55 – «Dopo il prologo di Tolentino di ieri (dove c’erano stante lunghe file alle terme di Santa Lucia con persone che si sono presentate ore prima dell’inizio delle vaccinazioni, ndr) l’assessore Saltamartini non prevede che ci sarebbe stata una folla enorme stamattina a Civitanova? Predisposte solo 500 dosi. Gente in fila dalle 3 di stanotte – esterna Francesco Micucci (Pd) -, numeri fai da te per rispettare la fila e fogli scritti a penna che nessuno può leggere. Una disorganizzazione totale». Poi l’ex consigliere regionale attacca il sindaco Ciarapica: «ogni giorno ci fa sapere quanto è bravo che per merito suo si fanno più di mille dosi al giorno e poi ne programmano solo 500 sapendo che in molti devono fare la terza dose per rinnovare il green pass e che altrettanti civitanovesi vogliono fare il vaccino a Civitanova senza dover fare lunghi viaggi a Porto San Giorgio, a Fermo o a San Benedetto. È ancora colpa degli altri o qualcuno si prende la responsabilità di tutto questo disagio e incompetenza?».

(Redazione Cm)

(foto Federico De Marco)

open-day-centro-vaccini-code-civitanova-FDM-1-650x433

 

open-day-centro-vaccini-code-polizia-civitanova-FDM-8-650x464

open-day-centro-vaccini-code-civitanova-FDM-5-650x433

open-day-centro-vaccini-code-del-medico-civitanova-FDM-2-650x433

code-centro-vaccinale-civitanova_censored

code-centro-vaccinale3-650x488

code-centro-vaccinale-civitanova1_censored-650x488

 

Caos open day, assalto all’hub: lunghe code dall’alba e traffico in tilt Esauriti in tempi record 350 vaccini

«Vaccini, non vi affollate agli open day E’ la prenotazione lo strumento principale»

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X