Elcito blindata nei weekend
Strada chiusa fino a novembre
L’ultima ristoratrice: «Butterò tutto»

SAN SEVERINO - Ordinanza della Provincia dopo le richieste del comando di polizia locale del Comune. La 26enne che gestisce "Il Cantuccio" lancia un appello: «Finalmente potevamo riaprire e poi questa notizia. Nessuno mi aveva avvisato, così non ci aiutate di certo»
- caricamento letture
cantuccio-elcito

Roberta Cuomo è la titolare de Il Cantuccio a Elcito

di Monia Orazi

La polizia locale di San Severino ha chiesto e la provincia ha esaudito: la strada per Elcito (che porta anche a Canfaito) resterà chiusa nei weekend fino a novembre. Un divieto di transito che arriva come una condanna capitale per l’unica attività presente nello splendido borgo di San Severino arrampicato sulla montagna. Roberta Cuomo, 26 anni, è infatti la titolare del piccolo ristoro “Il Cantuccio”. Un luogo incantevole, nonché l’unico, per mangiare qualcosa in zona. E dato che non ci sono più praticamente residenti Cuomo apre solo nei weekend. Senza strada percorribile però sarà durissima. Un’alternativa ci sarebbe ma si tratta di una strada bianca che parte da Canfaito, dove comunque i parcheggi appena raggiungono il limite fanno scattare il divieto di accesso alla località.

Riserva-canfaito

La riserva di Canfaito (Foto di Risorse Cooperativa –www.activetourism.it)

L’ordinanza della Provincia prende atto della richiesta del comandante della polizia locale di San Severino, che ha segnalato, recita il documento «casi di notevole afflusso di autoveicoli e quindi di persone, con relativi assembramenti nei fine settimana in cui si poteva circolare, in concomitanza con condizioni metereologiche favorevoli». Per cui la Provincia dispone la chiusura della provinciale Elcito nei festivi e prefestivi, tranne residenti, frontisti e mezzi di soccorso.

Cuomo però spiega che a lei nessuno l’aveva avvisata e quindi, in vista della riapertura della zona gialla, la giovane ha acquistato pane, affettati e provviste. Poi, la doccia fredda e ora quasi tutto è rimasto invenduto.  Racconta la ragazza: «Elcito è un borgo tra i più belli delle Marche, ma privo di abitanti. Pertanto la mia attività è aperta nei giorni prefestivi e festivi. Dopo mesi di totale chiusura causa Covid, finalmente ci è stata data la possibilità di riaprire per i giorni 1 e 2 maggio. In vista della riapertura, durante la settimana ci siamo organizzati per accontentarvi al meglio in previsione del solito afflusso in queste giornate di festa. Venerdì 30 aprile, con enorme dispiacere, ho appreso di questa ordinanza che dispone la chiusura della strada al transito, diffusa tramite social, ma mai comunicata con anticipo ai diretti interessati di tutte le piccole attività artigianali della zona. In barba ad attori che si prodigano ad organizzare concerti ed eventi con personaggi dello spettacolo e della musica che si offrono gratis per rilanciare il nostro territorio già martoriato da eventi sismici, le amministrazioni locali non aiutano all’intento. Spero che questo mio sfogo di ragazza di 26 anni che ha investito i propri risparmi e si è indebitata per questa piccola attività ancora da saldare, venga letta e condivisa da più persone possibili». La ragazza ha lanciato un appello sui social, chiedendo aiuto.

 

Elcito, «chiusura solo in emergenza» Incontro tra assessore e ristoratori

ordinanza-elcito

L’ordinanza della Provincia

Canfaito e San Vicino, vietato parcheggiare sui prati e nei boschi



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X