Bimbi a casa da scuola,
il Comune rimborsa la mensa

CAMERINO - La giunta ha deliberato la restituzione di quanto versato in più dopo che da marzo le lezioni in presenza erano state sospese per il Covid
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Mensa

Foto d’archivio

 

Scuole chiuse, il Comune rimborsa il costo della mensa alle famiglie. A Camerino la giunta ha deliberato di restituire ai genitori dei ragazzi delle scuole chiuse per il Covid la quota pagata in eccedenza per il servizio dello scorso anno scolastico (che a marzo era stato sospeso per quanto riguarda le lezioni in presenza). In particolare le quote saranno rimborsate per i bambini delle scuole dell’infanzia Aquilone e Ortolani, per coloro che usufruiscono del servizio mensa delle scuole primarie Ugo Betti e Salvo d’Acquisto: «Lo abbiamo ritenuto un piccolo gesto, ma doveroso nei confronti delle famiglie alla luce delle prolungate chiusure, con la seguente sospensione di un servizio – ha spiegato il sindaco di Camerino Sandro Sborgia – Per questo motivo, almeno per ciò che è di competenza comunale, abbiamo cercato di andare in contro alle famiglie. Con i bambini che sono rimasti a casa, abbiamo deciso di restituire il costo di una parte della quota fissa del servizio mensa, dal momento che non è stato utilizzato per un periodo». I rimborsi avverranno in automatico entro il mese di gennaio. Le mensilità saranno invece scalate dai mesi di novembre e dicembre per le famiglie che usufruiscono del servizio mensa anche in questo anno scolastico.

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X