“Non è mai troppo presto”
Il maestro Lorenzo Lattanzi
lancia la sfida digitale

ONLINE la presentazione del libro che si svolgerà domani (sabato 5 dicembre) alle 21 sui canali social dell'Aiart
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

lorenzo_lattanzi

Lorenzo Lattanzi

A partire dal 1960 una popolarissima trasmissione, intitolata “non è mai troppo tardi” e condotta dal maestro Alberto Manzi, diede un contributo decisivo per sconfiggere il persistente analfabetismo tra gli adulti del nostro Paese. Oggi, in un contesto sociale, culturale e mediale completamente rivoluzionato, Lorenzo Lattanzi – maestro elementare di Macerata – con il suo libro “Non è mai troppo presto…” ribalta la prospettiva dell’illustre predecessore e lancia la sua personale sfida alla società contemporanea: ripensare l’educazione nell’era digitale. Un testo che è l’esito del dottorato di ricerca conseguito nel 2017 all’università Cattolica di Milano, riconosciuto dal premio “Roberto Giannatelli” dell’Associazione Med come migliore tesi di dottorato a livello nazionale sui temi della media education.
«Molti erroneamente pensano  – si legge nella presentazione del libro – che i bambini siano già esperti di tecnologia solo per il fatto di essere nati “immersi” nel contesto digitale e che possano persino essere d’aiuto agli adulti più impacciati con i dispositivi. Anche la definizione “Nativi Digitali”, coniata da Marc Prensky, pur essendo molto suggestiva rischia di essere fuorviante, perché non si può scambiare la confidenza con la tecnologia con la competenza. Infatti, secondo la tesi del maestro Lorenzo, vanno evitate due tentazioni contrapposte eppure viziate dallo stesso errore di prospettiva: da un lato demonizzare Internet e le nuove tecnologie; dall’altro idolatrare dispositivi e piattaforme, considerandoli esclusivamente una sorta di grande “rivoluzione evolutiva” dell’umanità. È necessario avere uno sguardo integrato, conoscere elementi essenziali delle neuroscienze e delle dinamiche mediali per inserirli nei contesti formativi scolastici, familiari ed extrascolastici, per educarsi ed educare a cogliere appieno tutte le opportunità del web, alimentando al contempo senso critico e responsabilità. Ogni adulto genitore, insegnante, allenatore o con qualsiasi altro ruolo educativo, non può limitarsi a guardare dalla “riva” le prodezze di figli e allievi che nuotano nel mare magnum del web, ma deve trovare il coraggio di buttarsi insieme a loro, affiancandoli, per accompagnarli nelle esperienze mediali sin dalla più tenera età. Proprio per questi motivi… non è mai troppo presto».
CopertinaDomani (sabato 5 dicembre) alle 21, sui canali Youtube e Facebook di Aiart Marche, Vincenzo Varagona, giornalista Rai Marche, scrittore e consigliere nazionale Ucsi, condurrà la presentazione online di “Non è mai troppo presto.. per ripensare l’Educazione nell’Era Digitale” con ospiti di primissimo livello:
Virgilio Costa, professore di Storia Greca all’Università di Roma Tor Vergata, Gianna Cappello, professoressa di Sociologia dell’educazione e dei media all’Università di Palermo e presidente nazionale Med, Massimiliano Padula, professore di Scienze della Comunicazione Sociale all’Università Lateranense di Roma e presidente Copercom, Marco Baldi, professore in Telecomunicazioni all’Università Politecnica delle Marche,  Giovanni Baggio, dirigente scolastico e presidente Nazionale Aiart. E, naturalmente, Lorenzo Lattanzi presidente regionale e vicepresidente nazionale Aiart (associazione cittadini mediali), incarico grazie al quale è spesso in prima linea come relatore/formatore in convegni e incontri sui temi del digitale rivolti a giovani e adulti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X