Omicidio di Cameyi,
rinviato a giudizio l’ex fidanzatino
Processo davanti alla Corte d’assise

POZZO DELL'ORRORE - Assente l'imputato, Monir Kazi, che vive in Bangladesh, all'udienza che si è svolta oggi davanti al Gup. C'era la famiglia della 15enne uccisa, che si è costituita parte civile. Scomparsa nel maggio del 2010, i resti della ragazza vennero trovati vicino all'Hotel House di Porto Recanati nel 2018
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

cameyi-mosammet-2124-650x488-650x488

Cameyi Mosammet

 

Omicidio di Cameyi Mosammet, rinviato a giudizio l’ex fidanzato: il processo si svolgerà in Corte d’assise al tribunale di Macerata. La prima udienza è fissata per il 7 luglio del 2021. Per il pm Enrico Riccioni, che ha chiesto il rinvio a giudizio, ci sono indizi precisi e concordanti nei confronti dell’imputato, il bengalese Monir Kazi, 30 anni. Secondo l’accusa sarebbe stato lui ad uccidere la 15enne, il 29 maggio del 2010, giorno in cui era andato a prendere al ragazza ad Ancona per poi raggiunge con lei Porto Recanati, dove viveva lui.

Prova di questo le immagini di quel giorno delle stazioni di Ancona e Porto Recanati e i cellulari dei due ragazzi che hanno agganciato quella dell’Hotel House.

Luca-sartini-1-650x488

L’avvocato Luca Sartini questa mattina in tribunale

La ragazza dopo quel giorno scomparve nel nulla. Di lei nessuna traccia per otto anni, poi nel 2018 i suoi resti sono stati trovati in un pozzo e in un terreno vicino al mega condominio. La procura di Macerata ha preso in mano le indagini e ha indagato per omicidio volontario Kazi. Il 30enne nel frattempo aveva fatto ritorno nel suo Paese (non ci sono accordi tra Italia e Bangladesh per l’estradizione). Oggi non era presente in udienza e per lui ad assisterlo c’era solo il suo legale, nominato d’ufficio, l’avvocato Marco Zallocco. C’erano però la mamma di Cameyi, Fatema Begum, e i tre fratelli della 15enne, Asik, Sajid, Jisane (vivono tutti ad Ancona) che si sono costituiti parte civile con l’avvocato Luca Sartini. Il gup Domenico Potetti, letti gli atti, ha deciso di rinviare a giudizio Kazi. Il processo dovrà ricostruire quello che accadde il giorno della scomparsa e comprendere se ad uccidere la 15enne sia stato Kazi. La stessa Cameyi avrebbe detto di averne paura, parlando con le amiche.

(Gian. Gin.)

Delitto Cameyi, ex fidanzato a processo Giallo sulle frasi di un verbale: «Non posso pagare solo io»

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X