facebook twitter rss

Pozzo dell’orrore, scavi ripresi
e l’area verrà allargata (Video)

PORTO RECANATI - Le operazioni sono ricominciate questa mattina dopo i due giorni di sosta per Pasqua e Pasquetta. Sinora rinvenuti dei piccoli frammenti ossei
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
0 Condivisioni

Pozzo dell’orrore, ripresi gli scavi questa mattina a Porto Recanati. L’area dove si cercherà di trovare ulteriori resti si allargherà ancora.

Gli scavi di questa mattina

Sul posto sono tornati, dopo la pausa di Pasqua e Pasquetta, gli uomini della Squadra mobile di Macerata e della Scientifica della polizia. Sabato gli inquirenti avevano ripreso a scavare nella zona che si trova vicino al pozzo dove erano stati trovati i primi resti umani. Dal nuovo scavo erano emerse molte più ossa, tra cui un omero e il bacino. Due i cadaveri che sarebbero stati seppelliti: uno di un bambino molto piccolo, il secondo di una persona che potrebbe essere adolescente. Questa mattina sono ripresi i lavori. Trovati altri resti, ma si tratta di piccoli frammenti ossei. Scavi che comunque si allargheranno tra oggi e i prossimi giorni per vedere se vi siano altre ossa seppellite nella zona che si trova vicino ad un casolare abbandonato. Altro accertamento che dovrà essere fatto è quello sul dna dei corpi trovati anche per capire se uno di questi appartenga alla 15enne bengalese Cameyi Mosammet, la ragazzina scomparsa nel 2010 dopo essere andata all’Hotel House a trovare il fidanzatino. Da allora, era il 29 maggio di 8 anni fa, di lei non si hanno più notizie. La famiglia spera comunque che i resti non siano i suoi.

(Foto di Federico De Marco)

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X