Pozzo dell’orrore, le analisi:
certezza solo su un corpo
Ma non c’è nessun bambino

PORTO RECANATI - Le novità più importanti emergono dall'istituto di Medicina legale. Intanto oggi si sono svolte ricerche con georadar e cane molecolare che ha fiutato un piccolo pezzo che è stato repertato. Le operazioni sono concluse. VIDEO
- caricamento letture
georadar-e-cane-molecolare-polizia-h-house-porto-recanati-FDM-9-650x433

Ricerche con il georadar

 

di Laura Boccanera

(Foto di Federico De Marco)

A due settimane dal ritrovamento del femore umano rinvenuto nel pozzo dell’orrore di Porto Recanati si sono chiuse oggi pomeriggio le operazioni di scavo e accertamento sul campo. cane-molecolare-georadar-h-house-porto-recanati-FDM-4-325x217Nel frattempo dalle analisi di laboratorio emergono le novità più importanti. Sembra escluso che sepolto vi fosse un corpo di un bambino. Alla luce delle analisi, svolte all’istituto di Medicina legale, gli inquirenti ritengono che di corpi sepolti ce ne sia solo uno. Che ve ne sia anche un secondo, come era trapelato nei giorni scorsi, ci sono invece dubbi. I resti saranno comunque inviati a Roma per ulteriori analisi e accertamenti. Le ossa sarebbero state sepolto da 2 a 15 anni fa. E il corpo sarebbe quello di una persona adolescente. Gli accertamenti lasciano dunque aperta la pista che porta alla 15enne Cameyi Mosammet, scomparsa nel 2010. Oggi intanto sono continuate le ricerche sul campo. Il cane molecolare Dogan ha fiutato un oggetto che è stato prelevato e sarà analizzato in laboratorio. Non si sa ancora infatti se si tratta di un ulteriore frammento di osso: era attaccato ad un sasso e solidificato nel fango. Il cane molecolare arrivato da Malpensa lo ha fiutato all’ultimo giro di ricognizione, posizionandosi in basso e fermandosi, dando così il segnale al conduttore di cercare lì. E la polizia e la Scientifica ha rinvenuto questo frammento la cui natura non è ancora chiara e che dovrà essere analizzata, un pezzo di circa 4 o 5 centimetri. Le operazioni sono iniziate questa mattina quando gli uomini della Scientifica di Roma hanno perlustrato il campo col georadar. Le condizioni del terreno però non consentivano di andare molto in profondità. Lo strumento ad un certo punto ha captato un segnale, un grosso oggetto metallico. La polizia ha ispezionato per verificare di cosa potesse trattarsi, ma il manufatto non è risultato attinente alle ricerche. Per meglio sondare il terreno poi la pala meccanica ha mosso la terra sottoposta a sequestro così da non lasciare nulla di intentato e nel pomeriggio Dogan ha girato per lungo e largo di nuovo tutto il terreno. Attorno alle 16,30 il ritrovamento che è stato prelevato e imbustato per essere sottoposto alle analisi di laboratorio. Al termine delle operazioni tutti i solchi prodotti per i sondaggi del terreno sono stati coperti ed è probabile che a breve l’area verrà dissequestrata a meno che dopo i primi rilievi di laboratorio non emergano necessità differenti ed un ulteriore approfondimento sul campo.

Pozzo dell’orrore, al lavoro il cane molecolare

cane-molecolare-georadar-h-house-porto-recanati-FDM-7-650x433

cane-molecolare-georadar-h-house-porto-recanati-FDM-8-650x433

cane-molecolare-georadar-h-house-porto-recanati-FDM-2-650x434

georadar-e-cane-molecolare-polizia-h-house-porto-recanati-FDM-8-650x434

georadar-e-cane-molecolare-polizia-h-house-porto-recanati-FDM-3-650x433

georadar-e-cane-molecolare-polizia-h-house-porto-recanati-FDM-11-650x434

georadar-e-cane-molecolare-polizia-h-house-porto-recanati-FDM-4-650x434



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X