facebook twitter rss

Un’amica di Cameyi:
«Non so se siano i suoi resti,
ma lascio un fiore»

PORTO RECANATI - Nilva Mazzieri è andata sul luogo dove sono in corso gli scavi dopo il ritrovamento di alcune ossa umane. Uno dei corpi potrebbe essere della 15enne: «Era una ragazza fenomenale, allegra e spigliata»
giovedì 29 marzo 2018 - Ore 21:02 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Nilva Mazzieri ha portato un fiore dove è avvenuto il ritrovamento delle ossa

 

Non sa se le ossa ritrovate nel pozzo siano di Cameyi, ma Nilva Mazzieri ha deciso comunque di portare un fiore lì dove sono in corso gli scavi e le ricerche della polizia. Lei era una amica di Cameyi e della famiglia e oggi pomeriggio è arrivata all’Hotel House di Porto Recanati e ha raggiunto il luogo dove sono in corso gli scavi e dove, in un pozzo, sono state trovate le ossa umane che potrebbero appartenere a due corpi. 

Cameyi Mosammet

«Ricordo benissimo che abitava a Tavernelle, in un palazzone alto, ogni tanto andavo a fare la visita e portavo qualche vestito, un po’ di cibo, facevo compagnia alla madre – racconta Mazzieri -. Cameyi era una ragazzina fenomenale, allegra, spigliata, buona e brava, aveva appena 15 anni e doveva fare l’esame di terza media». La donna ricorda inoltre che la 15enne «aveva un fidanzatino, i familiari non erano affatto contenti di questo, quando è scomparsa avevamo paura che fosse stata riportata nel suo Paese di origine». Cameyi era sparita il 29 maggio del  2010. L’ultima traccia proprio all’Hotel House di Porto Recanati, dove era andata a trovare il fidanzatino. «Mi sono sentita in dovere di portare questo fiore in segno di affetto da parte di un’amica – continua Mazzieri -. Io lo lascio comunque qui, anche se non dovesse essere Cameyi. Lo avrei portato comunque. Ho portato con me anche una medaglietta della Madonna e lascerò anche questa».

(Foto di Federico De Marco)

 

 

Pozzo dell’orrore, la madre di Cameyi: «Prego non sia mia figlia»

Nel pozzo dell’orrore almeno due corpi Aperto fascicolo per omicidio

Pozzo dell’orrore, ripresi gli scavi (VIDEO) Continuano a spuntare ossa

Il pozzo dell’orrore «Potrebbero esserci più corpi» Una pista porta alla 15enne Cameyi

Ritrovato un femore, il medico legale: «E’ umano»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X