Le discoteche restano chiuse,
dietrofront del governo

FASE 3 - Nel Dpcm firmato ieri dal premier Giuseppe Conte non è consentita la riapertura delle sale da ballo, neanche all'aperto, fino al 14 luglio. Da lunedì ripartono invece cinema, teatri e sale scommesse. Per calcetto e sport di contatto c'è da attendere il 25 giugno
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
dpcm-11-giugno

Il Dpcm emanato ieri dal premier Giuseppe Conte (clicca sull’immagine per leggere il testo integrale)

 

Dietrofront: niente discoteche fino al 14 luglio. E’ quanto previsto dal nuovo Dpcm firmato ieri sera dal premier Giuseppe Conte che entrerà in vigore lunedì. Una doccia fredda per gli operatori del settore, che dopo l’approvazione delle linee guida della Conferenza delle Regioni dove era prevista la riapertura delle sale da ballo seppure con distanziamento in pista e con l’uso delle mascherine, contavano di poter riparte già lunedì.

conte-4-325x247

Il premier Giuseppe Conte

Invece il governo ha fatto marcia indietro. «Restano comunque sospese le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso, e, sino al 14 luglio 2020, le fiere e i congressi», è scritto nel Dpcm. Da lunedì ripartono come previsto invece teatri, cinema e spettacoli. «Gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all’aperto sono svolti con posti a sedere preassegnati e distanziati – si legge nel Dpcm – e a condizione che sia comunque assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per il personale, sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, con il numero massimo di 1000 spettatori per spettacoli all’aperto e di 200 spettatori per spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala». Via libera anche ai parchi giochi, ai centri estivi per bambini e alle sale scommesse, giochi o bingo, purché le Regioni abbiano approvato appositi protocolli che garantiscano le misure di sicurezza. Per quanto riguarda invece gli sport di squadra e di contatto in particolare, come il calcetto, bisognerà attendere il 25 giugno.

 

Da lunedì al via le discoteche all’aperto Ascani: «Sì alla mascherina, distanziamento in pista impossibile»

Cinema e teatri riaprono: sì a matrimoni e balli all’aperto



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X