facebook twitter rss

Arrestato per stalking
l’arbitro punito col Daspo

INDAGINE - Il direttore di gara da oggi è agli arresti domiciliari su disposizione del giudice. Nei giorni scorsi era arrivato il provvedimento del questore (primo caso in Italia) per aver colpito un portiere con una testata
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
169 Condivisioni

 

Arrestato per stalking l’arbitro che era stato sottoposto al Daspo. L’uomo si trova agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico. Secondo quanto gli viene contestato si sarebbe reso protagonista di episodi di violenza nei confronti di una donna. Dopo la denuncia e le indagini che sono state svolte dai carabinieri con il coordinamento della procura di Macerata, l’arbitro è stato posto ai domiciliari con braccialetto elettronico. Le contestazioni riguardano lo stalking e le lesioni (fatti che sarebbero avvenuti in un comune della costa maceratese).

Lo scorso dicembre la donna ha denunciato il comportamento minaccioso e violento che l’uomo avrebbe cominciato ad assumere nei suoi confronti. In base alle disposizioni impartite dal procuratore Giovanni Giorgio per la gestione dei codici rossi, i carabinieri della Compagnia di Civitanova hanno aiutato la donna inserendola nel programma di protezione e allo stesso tempo hanno dato il via agli accertamenti su quanto denunciato. Sono emerse condotte violente, pedinamenti, appostamenti, invio di numerosi messaggi minatori, insulti. Comportamenti che hanno portato la procura (le indagini sono state coordinate dal pm Rosanna Buccini) a chiedere al gip una misura cautelare. Misura che il giudice Claudio Bonifazi ha disposto e che oggi è stata eseguita. Il 31enne dovrà stare agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.

L’arbitro era stato sottoposto a Daspo nei giorni scorsi dal questore di Macerata, Antonio Pignataro, dopo che, al termine della partita di Seconda categoria tra il Borgo Mogliano e il Montottone, aveva colpito con una testata il calciatore Matteo Ciccioli. Il direttore di gara nega però di aver colpito il calciatore e nel referto riporta invece di essere stato lui la vittima dell’aggressione (il portiere è stato squalificato per due anni). Un caso quello dell’arbitro che era salito alla ribalta delle cronache nazionali anche perché è stato il primo Daspo in Italia verso un direttore di gara. L’episodio risale primo febbraio.

 

Testata a un portiere: Daspo all’arbitro

Testata al portiere dopo il match: «Abbiamo denunciato l’arbitro, attendiamo indagine federale»

Oltre due anni di squalifica al portiere colpito dall’arbitro

Testata al portiere dopo il match, «avviata indagine per fare chiarezza, l’arbitro nega di averlo colpito»

Arbitro tira testata a un portiere: «Ero andato a parlargli e mi ha colpito»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X