facebook twitter rss

Cadute antenne delle Sae,
auto danneggiate da sassi e terra
Scoperchiati alcuni tetti (Video)

MALTEMPO - Le forti raffiche di vento hanno causato numerosi problemi a San Ginesio, nel comune sono finite a terra anche diverse piante
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
109 Condivisioni
«Stiamo aspettando che il vento si calmi perché non siamo in grado di quantificare tutti i danni riportati».

Una degli alberi caduti a San Ginesio

E’ il capogruppo della maggioranza con delega alle infrastrutture e viabilità del Comune di San Ginesio, Francesco Paletti, a fare il quadro delle situazioni più critiche che si sono verificate in seguito alle violente raffiche di vento che hanno colpito, sia ieri che oggi, l’entroterra maceratese (leggi l’articolo). «Nell’area Sae a Pian Di Pieca sono saltate diverse antenne e la terra e i sassi hanno invaso il parcheggio danneggiando i vetri di diverse auto – racconta Paletti – la frazione (in cui ieri un furgone si è ribaltato, leggi l’articolo), è quella più colpita, ma altre situazioni molto critiche si registrano a Santa Maria in Alto Cielo, dove un albero è crollato e ha tranciato dei fili dell’elettricità, con la zona che è senza corrente da ieri pomeriggio, e a Casagatti dove si sono scoperchiati alcuni tetti di abitazioni e capannoni agricoli.

La chiesa a Torre di Morro

E’ stata danneggiata anche la chiesa di Torre di Morro, dove le tegole sono cadute in strada. Non sappiamo nemmeno quantificare quanti segnali stradali sono stati sradicati e quanti alberi e rami sono caduti, soprattutto tra Colle e Cerreto (nel video le immagini degli operai al lavoro nella zona, ndr) e da Santa Croce verso Pian Di Pieca dove due piante pericolanti potrebbero cadere sui cavi dell’elettricità. Quando la situazione tornerà alla normalità come prima cosa individueremo gli alberi e le piante che possono recare qualsiasi danno e li taglieremo, non è possibile trovarsi ogni volta che c’è vento forte in questa situazione – conclude Paletti -. La fortuna è che abbiamo degli operai instancabili, pronti ad ogni necessità e sempre disponibili in queste situazioni».

L’autocarro che si è ribaltato ieri a Pian Di Pieca

 

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X