Nvt, Marchiori contrattacca:
«Approvata la delibera della vergogna
e Carancini risponde solo con calunnie»

MACERATA - Il consigliere del Carroccio sul caso palazzina C di via Trento e del lodo con il privato: «Il sindaco nella sua veste istituzionale non solo ha parlato chiaramente di connivenza della Lega con il privato, ma anche di quel coraggio che è lui il primo a non avere»
- caricamento letture
ConsiglioComunale_25novembre19_FF-16-650x433

Andrea Marchiori

 

«La Lega parla con i fatti, Carancini riesce a rispondere solo con calunnie ed ingiurie personali ed il Partito Democratico supinamente approva la delibera della vergogna sulla palazzina di via Trento. Nessuna certezza di cancellare il danno di milioni di euro per le casse cittadine, ma solo il rinvio della patata bollente alla prossima amministrazione comunale». Sono le parole di Andrea Marchiori, consigliere della Lega, in risposta a quanto affermato dal primo cittadino di Macerata nell’ultimo Consiglio comunale. Durante l’approvazione della postilla al Piano casa che ammette la sanatoria per i 1900 metri cubi della palazzina C di via Trento, al centro del lodo con la Nvt, Carancini, vista l’uscita dall’aula al momento del voto del consigliere d’opposizione, aveva adombrato connivenze di Marchiori con il privato e l’aveva invitato a spogliarsi della maglia della Lega, accusandolo tra l’altro di non avere il coraggio necessario per fare il sindaco.  «Il sindaco nella sua veste istituzionale non solo ha parlato chiaramente di connivenza della Lega con il privato, ma anche di quel coraggio che è lui il primo a non avere visto che ha indicato come titolo della proposta di delibera un criptico “interventi di cui alla Legge Regionale in zone di recupero” anziché un più chiaro riferimento alla sanatoria della irregolarità urbanistica della palazzina di Nuova Via Trento –replica Marchiori – Il sottoscritto, come altri, è uscito dall’aula per carità di patria e non per mancanza della schiena diritta e delle responsabilità da cui è Carancini a scappare. Insomma, l’ha buttata in caciara perché la responsabilità politica del Partito Democratico messa nero su bianco in quella decisione voleva nasconderla non solo alla cittadinanza, ma pure ai Consiglieri comunali di maggioranza. La prova? Il consigliere di maggioranza Micozzi ha fatto le nostre stesse osservazioni. Carancini e Pd maceratese state sereni – conclude Marchiori – Nessuna calunnia, nessuna ingiuria, nessun gesto o discorso tracotante che offendono, prima di tutto la società e la cittadinanza, riusciranno annullare le responsabilità del sindaco, della giunta e di tutto il vostro partito».

Nvt, l’amministrazione cala il jolly E Carancini prende di mira Marchiori: «Non hai il coraggio per fare il sindaco»

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X