Nvt, la maggioranza ingoia un altro rospo
Sulla brochure celebrativa da 46mila euro
Monteverde scarica su Carancini

MACERATA - Durante la riunione delle forze politiche che sostengono l'Amministrazione è emersa una linea di difesa per la vicenda del maxi-risarcimento alla società di Intermesoli. Indicata alla Giunta la via del dialogo per portare a termine la riqualificazione della zona. Sulla relazione di fine mandato la vicesindaco esclude il coinvolgimento suo e di Pizzarotti: la delibera sarebbe stata proposta direttamente dal primo cittadino
- caricamento letture
Monteverde_Carancini_Foto-LB-1-325x245

Romano Carancini e Stefania Monteverde

 

Il sindaco Romano Carancini non c’era ieri sera alla riunione di maggioranza che prevedeva tra i punti all’ordine del giorno la discussione sulla condanna per la Nuova Via Trento e sul risarcimento milionario chiesto da Domenico Intermesoli. Si è parlato anche della brochure di fine mandato, commissionata al costo di 46mila euro al consulente di fiducia di Pizzarotti, politicamente vicino al vice sindaco Stefania Monteverde. C’erano invece gli assessori Marco Caldarelli, Alferio Canesin, Narciso Ricotta, Stefania Monteverde e Mario Iesari.

La vicesindaco Monteverde ha criticato l’uscita dei consiglieri e della segreteria del Pd che hanno preso le distanze dalle “scelte inopportune” dell’amministrazione attraverso un comunicato stampa (leggi l’articolo). L’assessore ha anche detto che la vicinanza con Pizzarotti non c’entra niente e che la delibera è stata portata da Carancini dopo una buona referenza avuta dall’ex sindaco di Ascoli Guido Castelli. Secondo la Monteverde – sostenuta nella discussione da Paola Medori (Macerata Bene Comune) e Marco Menchi (La Città di Tutti) – il Pd prima di uscire pubblicamente avrebbe dovuto chiedere chiarimenti. Le è stato risposto che consiglieri e partito si sono ritrovati per l’ennesima volta davanti a una decisione presa da una parte della Giunta senza nessuna comunicazione. E dopo aver appreso la notizia dalla stampa, il Pd non poteva far altro che prendere le distanze. Nel 2010 per la relazione di fine mandato l’amministrazione Meschini aveva speso 20mila euro. E a differenza di oggi erano compresi i costi per stampa e distribuzione. La maggioranza ha dunque richiesto di inserire queste spese nei 46mila euro deliberati. 

PD_maggioranza_FF-7-325x285

Stefano di Pietro

Per quanto riguarda la vicenda del maxi risarcimento è stato chiesto all’amministrazione di riprendere un dialogo con La Nuova via Trento. L’assessore Ricotta si farà portavoce col sindaco per cercare di convincerlo a instaurare un rapporto, anche per portare a termine la riqualificazione della zona. Alcuni consiglieri del Pd sono molto critici su Carancini ma la posizione del partito -così come dell’intera maggioranza –  ad oggi è quello di andare avanti con lui e tenere duro fino a fine mandato visto che mancano circa 200 giorni alla conclusione del secondo mandato.

«Il Partito Democratico – dichiara Stefano Di Pietro, segretario cittadino – ritiene questa fase  molto preoccupante e delicata, auspichiamo che l’amministrazione tenga in considerazione l’obiettivo finale della riqualificazione di questa importante zona della città e anche a difesa degli interessi dei residenti che hanno manifestato più volte difficoltà in merito a un cantiere mai chiuso».

BIANCHINI-CONFERENZA-16-450x299

Massimiliano Bianchini

Tra i presenti anche Massimiliano Sport Bianchini, leader di Pensare Macerata che aveva chiesto un tavolo politico ma è stato scontentato: «C’è l’esigenza di parlare di questioni che riguardano il futuro della città, quali il Gus, l’ingresso della Fondazione Carima in Apm, l’associazionismo. Ma la questione della Nuova Via Trento ha travolto tutto». L’indicazione data dall’assemblea è quella di trovare una soluzione di buon senso che non scontenti né il privato, né l’amministrazione: «Vanno evitate cause su cause – sottolinea Bianchini – e bisogna rovesciare anche la piramide mettendo in cima l’interesse dei cittadini». Pensare Macerata intanto guarda alle prossime elezioni: «Sono sempre più convinto che serva una candidatura diversa per le primarie (al momento l’unico nome è quello di Narciso Ricotta, assessore Pd, ndr), serve una persona non coinvolta nella fase politica amministrativa. Riunirò numerose associazioni che sceglieranno il soggetto più adatto».

L’assemblea ha deciso di proporre alla cittadinanza due iniziative pubbliche, una sull’associazionismo e l’altra sull’ambiente. Assente anche l’Udc in polemica con l’amministrazione che non ha presentato, fino agli ultimi giorni, in Prefettura il patto sulla sicurezza come previsto dalla mozione sulla “mutualità di vicinato” approvata un anno fa.

(Redazione CM)

Condanna Nvt, Carancini si difende: «Contestati atti dell’era Meschini, sentenza piena di contraddizioni»

Brochure di propaganda, il Pd prende le distanze da Carancini: «Scelte inopportune»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X