Spaccio organizzato a Macerata,
catturato uno dei ricercati:
in cella un 33enne

OPERAZIONE della Squadra mobile e della Polfer. L'uomo è stato preso alla stazione di Fabriano. L'indagine Ishan contempla 1.250 cessioni di eroina, lo spaccio avveniva anche vicino a due scuole e gli acquirenti spesso erano minorenni. La polizia ha fin qui arrestato 11 persone, 4 sono ricercate. Per ricostruire la rete di vendita di droga alcuni agenti si sono finti clienti e hanno acquistato stupefacenti
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

operazione-ishan-arresto-nigeriani-4-325x217

Da sinistra: il colonnello Michele Roberti, il procuratore Giovanni Giorgio, il questore Antonio Pignataro durante la conferenza stampa dopo gli arresti

 

di Gianluca Ginella

Aveva cambiato tutti i telefoni ed era scomparso da settimane un 33enne nigeriano il cui nome compariva tra quelli dell’indagine Ishan della questura di Macerata e colpito da misura cautelare in carcere disposta dal gip. Gli agenti della Squadra mobile di Macerata, diretti dal commissario capo Maria Raffaella Abbate, e della polizia ferroviaria di Fabriano, lo hanno rintracciato domenica (ma la notizia di è appresa oggi) alla stazione di Fabriano. Il giovane, O. O. S., ha cercato di evitare l’arresto ma è stato catturato dagli agenti e ora è in cella nel carcere di Montacuto di Ancona. Il 33enne è una delle 27 persone raggiunte da misure cautelari nell’ambito di una vasta operazione che coinvolge polizia e carabinieri e riguarda lo spaccio organizzato di droga a Macerata e nei comuni vicini. La polizia con il 33enne ha arrestato 11 delle 15 persone per cui sono state disposte le misure cautelari (13 in carcere e due di divieto di dimora). Convinti che il 33enne non si fosse mai allontanato dalle Marche, gli agenti lo stavano cercando da circa un mese (le altre misure cautelari sono state eseguite a cavallo tra la fine di novembre e i primi di dicembre). Una indagine articolata quella della questura di Macerata, nata a marzo dopo l’omicidio di Pamela Mastropietro.

operzione-congiunta-polizia-carabinieri-maria-raffaella-abbate-civitanova-FDM-3-e1539872513703-537x650

Il commissario capo Maria Raffaella Abbate che dirige la Squadra mobile

In base all’ascolto di 50 persone, all’analisi del traffico telefonico di 40 utenze, la polizia ha ricostruito, con il coordinamento del procuratore Giovanni Giorgio, 1.250 cessioni di droga. Spaccio che avveniva a Treia e nella frazione di Passo di Treia, a Macerata ai Giardini Diaz, al parco Fontescodella, in via Pace, in via Roma e soprattutto vicino a due istituti scolastici del capoluogo: il Fermi e il Galilei (qui la droga veniva comprata anche da minorenni). Gli spacciatori, tutti africani e per la maggior parte di nazionalità nigeriana, spacciavano al minuto, spesso a minori, e a basso costo. Per stroncare la rete di spaccio, al cui vertice ci sarebbe stato il 35enne Osas Nelson Adoghe, catturato dalla polizia a Macerata, gli agenti hanno fatto intercettazioni telefoniche, impiegato strumentazione tecnica altamente sofisticata, e usato apparecchi per le riprese video e per la localizzazione. Si sono anche finti clienti e hanno acquistato droga. Indagini che hanno permesso di ricostruire una fiorente attività di spaccio in città.

Macerata, scacco allo spaccio di droga: 27 arresti, oltre 4mila cessioni di eroina (I VIDEO)

 

Spaccio organizzato a Macerata, muro di gomma degli arrestati

Spaccio organizzato a Macerata, in manette altri due uomini: catturati a Como e a Fiumicino



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X