Razzismo sul bus,
giudizio immediato per il bigliettaio

INDAGINE - Un 50enne deve rispondere di lesioni gravi, violenza privata, usurpazione di funzioni pubbliche con l'aggravante razziale. L'episodio era avvenuto su di un bus della Contram
- caricamento letture
autobus-contram

Autobus della Contram e nella foto Narcisse Martin Lekemo

 

Bigliettaio comparirà davanti al giudice nel prossimo gennaio: è accusato di aver aggredito uno studente del Camerun, Narcisse Martin Lekemo, che si trovava sull’autobus che percorre la tratta Macerata-Camerino (leggi l’articolo). La questione era stata segnalata dal garante regionale di diritti, Andrea Nobili, e la Contram aveva sospeso il dipendente. In seguito alle indagini è stato disposto il processo con citazione diretta a giudizio per il dipendente. Dovrà rispondere di lesioni aggravate, usurpazione di funzioni pubbliche e violenza privata. Con l’aggravante dei motivi di odio razziale. I fatti che saranno oggetto del processo che si aprirà il prossimo gennaio al tribunale di Macerata risalgono al 21 luglio scorso ed erano avvenuti. Quel giorno, stando alle indagini, il dipendente della Contram, che lavora in biglietteria, aveva chiesto, senza averne titolo, il biglietto allo studente di Unicam. Il bigliettaio avrebbe poi strappato il ticket allo studente e lo avrebbe colpito al volto. Gli avrebbe anche rivolto frasi come «tornatene in Africa». Inoltre il bigliettaio, 50enne, avrebbe anche preso il cellulare allo studente che voleva chiamare i carabinieri. Alla fine erano intervenuti i militari della stazione di Caldarola che avevano raggiunto l’autobus a Belforte e avevano avviato le indagini per ricostruire quanto accaduto sul pullman della Contram. In seguito il bigliettaio si era scusa e si era detto pronto ad incontrare il giovane (leggi l’articolo)

(Gian. Gin.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X