Nascimbeni: “Una collocazione dignitosa per la lapide di Vittorio Emanuele II”

Il consigliere comunale di Macerata è nel cuore si impegna a tutelare l'iscrizione dopo il posizionamento del nuovo orologio sulla torre civica
- caricamento letture
Fabrizio Nascimbeni (Macerata è nel cuore)

Fabrizio Nascimbeni (Macerata è nel cuore)

 

Ieri mattina il maestro Alberto Gorla nel suo studio a Mantova ha iniziato, come promesso, i lavori per la realizzazione della macchina oraria sul modello di quella dei fratelli Ranieri da posizionare sulla torre civica (leggi la presentazione). In attesa che sulla facciata della torre l’antico orologio ritornino gli automi, che allo scoccare di ogni ora faranno il loro carosello con che l’uccello Cesare che battendo il suo becco su un campanello, farà partire  il meccanismo che muoverà le statue in legno dei re Magi, preceduti da un angelo, in adorazione della Madonna seduta su un trono con il Bambino, c’è chi si preoccupa della lapide dedicata a Vittorio Emanuele che secondo il progetto originario dovrebbe essere riposizionata sul lato della torre.

Si tratta del consigliere comunale di Macerata è nel cuore Fabrizio Nascimbeni che scrive in un comunicato:  «Saluto al Re e benvenuto all’orologio! Viva V.E.R.D.I., così gridavano gli Italiani durante il Risorgimento, volendo in realtà dire “Viva Vittorio Emanuele Re d’Italia”. Altri tempi? Voglio pensare di no visto che solo 3 anni or sono abbiamo tutti celebrato, con un rinnovato sentimento di orgoglio per la nostra Storia, il 150° anniversario della Unità nazionale. Neppure in seguito all’avvento della Repubblica, la lapide di Vittorio Emanuele II venne tolta dalla torre di piazza e ciò non solo per rispetto verso quella metà degli Italiani (10 milioni e 700 mila) che avevano votato per la Monarchia, ma soprattutto per voler rimarcare la perdurante attualità degli ideali del Risorgimento.
Da innamorato dell’Italia e di Macerata, mi impegnerò, con il mio gruppo consiliare Macerata è nel cuore, affinchè la lapide sia posta in una sede dignitosa ed adeguata ai valori che simboleggia. Esprimo inoltre l’auspicio che il novello orologio artistico possa attirare in misura sempre maggiore turisti e cittadini, contribuendo così alla rinascita del nostro centro storico».

La torre civica in piazza della Libertà, in basso la lapide di Vittorio Emanuele

La torre civica in piazza della Libertà, in basso la lapide di Vittorio Emanuele



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X