Il Condom Cafè non piace a Guzzini:
“E’ una campagna pericolosa e provocatoria”

MACERATA - Il consigliere comunale del Pdl richiama il messaggio di papa Benedetto XVI che ha invocato l'umanizzazione della sessualità
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Guzzini

Marco Guzzini

 

Il consigliere comunale del Pdl Marco Guzzini critica con forza Condom Cafè (leggi l’articolo):

« Pericolosa e provocatoria . Con queste parole mi sento di definire la campagna dell’Asur Marche Area Vasta 3 che nella giornata di domani distribuirà 5.500 preservativi attraverso i bar della provincia Macerata che hanno aderito all’iniziativa.

Mai come in questo momento siamo di fronte ad un grande rischio educativo. Mi spiego: i giovani andrebbero sempre più e sempre meglio educati a rivivere un rapporto profondo con la propria persona e con il proprio corpo. Un rapporto che metta sempre al centro il bene della persona.
Reputo che il punto fondamentale della questione non sia trovare una soluzione strumentale che limiti i danni e che mantenga un grave disordine sociale ed educativo. Il punto è capire se siamo più attratti dai nostri istinti carnali o se siamo capaci di vivere quell'”umanizzazione della sessualità” invocata da Papa Benedetto XVI in occasione del suo ultimo viaggio in Africa.
condom-cafe-0Non si può risolvere il flagello dell’Aids- continua il Papa- con la distribuzione di profilattici: al contrario, il rischio è di aumentare il problema. La soluzione può trovarsi solo in un duplice impegno: il primo, un’umanizzazione della sessualità, cioè un rinnovo spirituale e umano che porti con sè un modo nuovo di comportarsi l’uno con l’altro, e secondo la disponibilità, anche con sacrifici, con rinunce personali, ad essere con i sofferenti. Una duplice forza- prosegue il Santo Padre- di rinnovare l’uomo interiormente, di dare forza spirituale e umana per un comportamento giusto nei confronti del proprio corpo e di quello dell’altro e di rimanere presenti nelle situazioni di prova.
Ritengo che la posizione della Chiesa sia di fatto la posizione più ragionevole e la più sensata dal punto di vista scientifico.

condom-cafe-5Nel 2004 uno studio presso il Medical Institute for Sexual Health a Washington D.C. ha evidenziato, prendendo in esame il continente africano, come la massiccia distribuzione dei preservativi non abbia portato i risultati sperati.
Al contrario si è riscontrato un grave aumento dei contagi in quanto una maggiore propensione alla promiscuità sessuale eleva i rischi di infezione. E’ sempre più evidente come sia drasticamente riduttivo considerare l’Aids solamente come un problema medico. Negli ultimi dieci anni l’Uganda ha dimostrato al mondo intero come la lotta a questa malattia richieda una forte risposta culturale. Con la campagna ABC( Abstain- Be faithul, use Condoms Astinenza Fedeltà Preservativi) il governo ugandese e molte associazioni internazionali di volontariato hanno sensibilizzato la popolazione sull’importanza di rimanere vergini fino la matrimonio, evitare i rapporti sessuali occasionali e avere un solo partner. La prevalenza di sieropositivi è diminuita in Uganda del 15% e la prevalenza dell’Hiv è diminuita del 75% tra i giovani fra i 15 e i 19 anni e del 60% fra i giovani fra i 20 e i 24 anni.
Detto questo appare evidente che la riduzione della sessualità a istinto o impulso riduce drasticamente l’immensa capacità dell’uomo di generare e ricevere Amore. Un Amore vero che abbraccia pienamente il destino di tutti”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X