“L’importante è che la morte ci trovi vivi”

L'omaggio al grande umorista Marcello Marchesi del Circolo “Tullio Colsalvatico” di Tolentino
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
marcello-marchesibr

Marcello Marchesi

Franco Maiolati presidente del Circolo “Tullio Colsalvatico” e curatore della rassegna “L’importante è che la morte ci trovi vivi”presenta le diverse iniziative dedicate all’umorismo per volerci bene in onore di Marcello Marchesi: “Un semplice aforisma, poche parole. Su cui però si potrebbero tenere intere conferenze. È questa la grandezza dell’umorismo. Un pò come la poesia. Entrambe le espressioni umane partono da una passione per la realtà, la guardano, riuscendo a vedere dettagli che sfuggono ad un occhio non abituato, e a descriverli anche con poche parole: un aforisma o un verso. E noi, sorpresi, ritroviamo in essi qualcosa che ci descrive. Ritrovando anche il sorriso. Lo scopriamo sempre di più, accostandoci ai grandi umoristi di ieri, ma anche di oggi. Perché ne esistono, anche se a volte sembrano in estinzione. Il Premio Colsalvatico oltre a voler fornire terreno fertile per nuovi “germi”, vuole proporre grandi “testimoni” dell’umorismo. Gli appuntamenti che proponiamo sono veri e propri incontri in questo senso. La Mostra “L’importante è che la morte ci trovi vivi”, tenta di far conoscere il grande Marcello Marchesi, attraverso un percorso disordinato tra citazioni, aforismi…”

Tra il 10 novembre e il 9 dicembre nella programmazione spicca la mostra che traccia un percorso tra “Parole parole parole divertenti terribili inquietanti” di Marcello Marchesi e i “Disegni e le parole per sopravvivere” di Guido Clericetti. “un formicaio di paroline” : “Sì, sono proprio curioso di leggermi. Sono tanto curioso: non vorrei morire, per vedere come va a finire.” A presentare Marcello Marchesi, sabato 10 novembre, alle ore 17, al Museo Internazionale dell’Umorismo nell’Arte, interviene Guido Clericetti, suo collaboratore, ma soprattutto suo amico, e grande umorista lui stesso, famose le sue le vignette con gli omini con gli occhi a croce. A ringraziamento, una sezione della mostra è un omaggio allo stesso Clericetti, con sue vignette, edite ed inedite. Guido Clericetti scrittore, disegnatore è un autore televisivo molto apprezzato che firma molti programmi di grande successo. Marcello Marchesi: “Un signore di mezza età, futile e dilettevole.” La mostra rimarrà aperta sino al prossimo 9 dicembre e sarà vistabile dal martedì alla domenica, dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 15.30 alle ore 18.30. Inoltre, in programma, è previsto un incontro con  Paolo Cevoli, l’assessore alle varie ed eventuali di Zelig, attore ed autore teatrale (in scena “La penultimacena”) che racconterà da cosa deriva il suo gusto di far ridere. Infine, due film, con Totò e regia di Mario Mattòli, esempi di come anche la grande creatività ha bisogno della solidità di sceneggiatori come Marcello Marchesi.  Per informazioni: tel 0733.969797 – 329.0833095; segreteria@colsalvatico.it

La manifestazione è promossa dal Circolo Culturale “Tullio Colsalvatico” in collaborazione con il Comune di Tolentino, Assessorato alla Cultura e del Museo Internazionale dell’Umorismo nell’Arte. Si ringraziano Associazione Culturale Marcello marchesi e OffiCineMattòli.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X