I “furbetti dei Suv”
nel mirino della Guardia di Finanza

AUTO DI LUSSO ED EVASIONE DEI PROFESSIONISTI - La Guardia di Finanza fa il bilancio dell'attività svolta nel 2011 e annuncia gli obiettivi fissati per il 2012. Il comandante Papetti: "Nella crisi tutti devono pagare le tasse secondo le proprie capacità"
- caricamento letture

finanza-3-325x179

di Alessandra Pierini

(Foto-servizio di Guido Picchio)

Saranno i “furbetti dei Suv” e i liberi professionisti  i principali obiettivi delle Fiamme Gialle del Comando di Macerata in questo 2012, appena iniziato. A dichiararlo è stato il comandante provinciale Paolo Papetti che, nel corso della conferenza stampa di questa mattina,  alla presenza dei comandanti dei reparti di Civitanova, Recanati e Camerino, ha anche illustrato i risultati dell’attività svolta nel 2011.

paolo_papetti_francesco_feola

Il comandante Paolo Papetti e il tenente Francesco Feola

«Credo che i dati più importanti riguardanti il 2011 siano i redditi non dichiarati per 193 milioni di euro e i 99 soggetti che, pur avendo conseguito redditi per 65 milioni di euro, erano completamente sconosciuti al fisco e di questi 52 erano lavoratori domestici. Particolarmente significativa è stata anche l’attività relativa alla tutela del mercato e alla sicurezza dei prodotti: sono stati sequestrati circa 2 milioni di pezzi potenzialmente pericolosi e 500 mila capi contraffatti».
Nel 2012, le Fiamme Gialle continueranno a rivolgere particolare attenzione al lavoro domestico ma colpiranno anche i professionisti e beni di lusso: «Abbiamo deciso – spiega il comandante Papetti – di aumentare le verifiche nei confronti dei professionisti. In particolare colpiremo i “furbetti dei Suv”, quei soggetti cioè che hanno auto da 60 mila euro ma dichiarano un reddito minore a quello dei loro dipendenti. Chi guida deve avere un reddito congruo al mezzo e già negli anni scorsi abbiamo raccolto informazioni e dati sui possessori di Suv, ora passeremo alla fase di controllo. Saremo molto attenti anche  ai controlli su chi ha immatricolato l’auto come autocarro e la usano invece per le vacanze con la famiglia. In questo periodo di crisi, tutti devono pagare le tasse in base alle loro capacità contributive. Saremo poi rigorosi verso le assicurazioni fantasma». Presenti alla conferenza stampa anche i sottotenenti Leonardo Cuneo e Verdiana Pisa i quali frequentano l’Accademia e hanno trascorso il periodo del loro tirocinio nei comandi maceratesi. La loro preziosa presenza non basta però a risolvere i problemi di carenza di organico che tuttavia non preoccupano Papetti: «Siamo in pochi, un centinaio di uomini circa, pochi quantitativamente parlando, ma devo dire che abbiamo degli ottimi elementi e riusciamo ad ottenere risultati straordinari».
***
michele_tempesta_gianluca_ferraro_succiIl Bilancio 2011 della Guardia di Finanza di Macerata

EVASIONE FISCALE – Al 31 dicembre scorso, l’attività operativa del Corpo in provincia ha consentito di scoprire 193 milioni di euro sottratti a tassazione, con un incremento del 33% rispetto ai dati del 2010. Anche per l’Imposta sul Valore Aggiunto i dati registrano un aumento, in quanto a fronte dei 50 milioni di euro del 2010 sono state accertate violazione complessive nel 2011 per oltre 61 milioni di euro. Più che raddoppiato il numero degli evasori totali scoperti, che è passato dai 49 del 2010 ai 99 del 2011, con un occultamento complessivo di oltre 65 milioni di euro. In tale comparto, come annunciato lo scorso anno alla presentazione del bilancio 2010, è stato avviato il piano ad ampio raggio per il controllo delle posizioni fiscali dei lavoratori domestici. Nel 2011 sono stati controllati 52 soggetti che, pur essendone obbligati, non avevano presentato la dichiarazione fiscale, occultando redditi per 1.337.308 euro. L’attività verrà intensificata nel 2012 ed al momento sono stati conclusi già 12 interventi, mentre altri 6 risultano in corso.
Netto l’incremento dei recuperi anche per l’IRAP, con la scoperta di imponibili sottratti per 164 milioni di euro (+61%). In tale ambito sono state 29 le verifiche effettuate nei confronti dei professionisti con autonoma organizzazione, i quali non avevano presentato la dichiarazione IRAP, con una base imponibile evasa di oltre 8 milioni di euro. Leggero decremento dei lavoratori “in nero” scoperti, che nel 2011 si sono attestati a 258 unità.

guardia_finanza_inizio_annoATTIVITA’ DI CONTROLLO E VERIFICHE – Nel settore dei controlli all’obbligo di emissione degli scontrini e ricevute sono stati eseguiti circa 4.500 controlli, con oltre il 10% di soggetti verbalizzati.
Intensa l’attività che ciascuna Fiamma Gialla maceratese ha eseguito in termini numerici. I 121 finanzieri operativi nella provincia di Macerata hanno eseguito: 331 verifiche fiscali; 526 controlli fiscali di cui 93 in materia di prestazioni sociali agevolate; 6.616 controlli strumentali; 185 controlli per la lotta al caro vita; oltre a tutta l’altra attività rientrante nei compiti istituzionali del Corpo (danni erariali, frodi comunitarie, riffe, videogiochi, ecc.).
Nell’ambito dei controlli volti alla tutela del mercato dei capitali sono stati eseguiti 27 approfondimenti di segnalazioni di operazioni sospette e 9 interventi a contrasto del riciclaggio, con 3 persone denunciate e l’accertamento di circa € 250.000 di provento illecito.
In materia di limitazione ai pagamenti effettuati in contanti, con somme oltre la soglia consentita dalla legge (oggi fissata a € 1.000), sono stati accertati trasferimenti illeciti per oltre 1.100.000 euro. Inoltre, sono state sequestrate 39 banconote false, per un valore di circa 2.000 euro. Sono state scoperte anche fattispecie delittuose rientranti nella disciplina dei reati tributari, societari e fallimentari, con la denuncia alla competente A.G. di 66 soggetti ed il sequestro in campo fallimentare di valori per € 391.000.
Nell’ambito dei servizi riconducibili al Codice Penale ed alle Leggi di Pubblica Sicurezza sono stati eseguiti 201 interventi, con la constatazione di 225 violazioni e la denuncia di 107 persone, di cui 9 in stato di arresto.

comandanti_provincia_macerata_finanzaLE OPERAZIONI – Si segnalano l’indagine con rilevanza mediatica nazionale in materia di poker on-line illegale scoperto dalla guardia di finanza di Civitanova Marche nella quale il banco barava e vinceva che si è conclusa con la denuncia di 41 persone; il sequestro di beni archeologici di rilevante valore; il sequestro di due falsi Schifano; i sequestri di generi alimentari scaduti da oltre due anni, i ripetuti sequestri in materia di sicurezza prodotti, il sequestro di antenne WI-FI in grado di entrare nelle connessioni di altri ignari utenti della rete; l’arresto di un extracomunitario che aveva assalito i militari durante il sequestro di prodotti contraffatti. Nel corso del controllo economico del territorio sono stati anche individuati dei reati che non rientrano nella missione principale del Corpo: la scoperta di un’auto rubata immediatamente restituita alla legittima proprietaria e la denuncia di 9 persone per furti con scasso e ricettazione.

PREVENZIONE E LOTTA AGLI STUPEFACENTI – Per la prevenzione, oltre a partecipare a tutte le iniziative dell’apposito comitato istituito presso la Prefettura di Macerata, sono state effettuate 20 dimostrazioni negli istituti scolastici di ogni ordine e grado della provincia, con il coinvolgimento di circa 2.800 studenti. In tale ambito, encomiabile è risultato l’apporto fornito dalle due unità cinofile antidroga, Over e Iabin, con i rispettivi militari conduttori, in forza alla Compagnia di Civitanova Marche.
In sede repressiva, sono state portate a termine 58 operazioni, nel corso delle quali sono state denunciate alla competente autorità giudiziaria 61 persone, di cui 11 in stato di arresto. Sequestrati 112 grammi tra hashish e marijuana e 1.468 grammi tra cocaina ed eroina.

TUTELA DEL MARCHIO E SICUREZZA DEI CONSUMATORI – Nel settore dei marchi contraffatti sono stati eseguiti 57 interventi repressivi, con il sequestro di circa 500.000 pezzi, con un incremento del 55% rispetto al 2010. Consistente anche l’attività di prevenzione con la diuturna attività di contrasto nei mesi estivi nei comuni costieri.
Rilevantissimo l’impegno nei controlli per garantire la sicurezza dei consumatori, con il sequestro di quasi 2 milioni di pezzi. Per capire l’importanza di questa attività per questo Provinciale, basti pensare che nel 2011 circa l’8% del totale dei sequestri nazionali in materia di sicurezza dei prodotti della Guardia di Finanza è stato operato dalle Fiamme Gialle maceratesi, in questo bissando l’eccellente risultato del 2010 nel quale in termini percentuali si era raggiunto quasi il 10%.
In questo comparto, come elemento di novità del 2011, sono stati operati consistenti sequestri per la sicurezza alimentare dei consumatori. Sono stati infatti sequestrate quasi 4 tonnellate di prodotti scaduti, in alcuni casi anche da oltre due anni, in alcuni negozi all’ingrosso che rifornivano i negozi etnici non solo della provincia di Macerata.
In materia di tutela ambientale, una è stato denunciato all’A.G., a piede libero, un responsabile e sottoposto a sequestro 600 mq. di aree scoperte, adibite a discariche abusive, oltre a una tonnellata di chilogrammi di rifiuti speciali, pericolosi e non.
Per quanto riguarda la vigilanza sulle norme che regolano l’immigrazione, la Guardia di Finanza di Macerata ha individuato 17 soggetti sprovvisti del regolare permesso di soggiorno, per i quali sono stati posti in essere i relativi provvedimenti legislativi.

VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA – La Guardia di Finanza è presente sul territorio della Provincia anche per la prevenzione e la repressione di violazioni al Codice della Strada, con circa 11.000 automezzi controllati e circa 12.000 persone identificate. 605 le violazioni contestate, tra cui 1 caso di guida sotto l’effetto di stupefacenti e 15 fermi amministrativi di autovetture che circolavano senza copertura assicurativa. Le penalità riscosse ammontano a 88.552 euro e sono stati decurtati 500 punti sulle patenti di guida.
La Guardia di Finanza ha anche partecipato alle celebrazioni dei 150 anni di unità nazionale aderendo all’iniziativa caserme aperte prevista in concomitanza con la festa delle Forze Armate il 04 novembre scorso. In tale occasione 120 studenti di due scolaresche hanno visitato la caserma del Comando Provinciale di Macerata.

IL NUMERO 117 – Per quanto riguarda il numero di pubblica utilità “117”, canale diretto di collegamento tra i cittadini e la Guardia di Finanza per la richiesta di informazioni e la segnalazione di eventuali illeciti economici e finanziari, tale da definirlo “point office”, numerose le chiamate alla sala operativa di Macerata, le quali testimoniano il successo dell’iniziativa, che si pone come risposta valida e necessaria all’esigenza dei contribuenti di avere un contatto rapido ed efficiente con il fisco.
Oltre all’assistenza fornita direttamente ai cittadini richiedenti, i Reparti del Corpo hanno impegnato circa 1.700 pattuglie sull’intero territorio maceratese sotto il coordinamento della Sala Operativa per una pronta risposta alle emergenze segnalate.

(GUARDA IL VIDEO)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X