Sequestro del turista inglese,
condannati quattro rapitori

MONTE SAN GIUSTO - La decisione è del gup del tribunale di Firenze che ha deciso pene da 8 a 3 anni. Una quinta persona è stata rinviata a giudizio e farà il processo con rito ordinario. Parte civile si era costituita la vittima: Sam Demilecamps, tenuto in ostaggio per otto giorni
- caricamento letture
sequestro-arrestati-demilecamps

I quattro arrestati in tribunale

Quattro condanne per il rapimento del turista inglese Patrick Sam Kourosh Demilecamps. I fatti si erano consumati tra Firenze (dove fisicamente era avvenuto il rapimento) e Monte San Giusto (dove il 27enne era stato tenuto in ostaggio dentro una abitazione. Lì il turista era stato tenuto per 8 giorni prima che venisse liberato dai carabinieri. Il processo, con rito abbreviato, si è svolto ieri al tribunale di Firenze davanti al gup Federico Zampaoli. Il giudice ha condannato a otto anni Ahamed Rajraji, 22enne marocchino, ritenuto l’ideatore del sequestro, 5 anni e due mesi a testa per Rubens Beliga Gnaga, 19, di Macerata, e Dona Conte, 23, romano e tre anni e tre mesi per Aurora Carpani, 21, di Macerata, a cui è stato contestato solo il sequestro (avrebbe avuto il ruolo di carceriera).

Per tutti gli altri le accuse, a vario titolo, vanno dal sequestro di persona a scopo di estorsione, porto abusivo di armi, rapina e lesioni.

Demilecamps

Patrick Sam Kourosh Demilecamps

Rinviato a giudizio un quinto imputato, Shuayb Athmni, 23, di San Benedetto, che non ha chiesto di procedere con riti alternativi, è arrivato il rinvio a giudizio e andrà a processo con il rito ordinario il 28 febbraio. La vittima, parte civile con l’avvocato Michele Zuccaro del foro di Ancona (delegato dall’ambasciata inglese), non era in tribunale. E’ tornato in Inghilterra. Per il risarcimento il gup ha rinviato ad una eventuale causa civile.

Il blitz del Ros risale al 13 ottobre 2021: il giovane inglese in vacanza aveva conosciuto i cinque sequestratori nel Maceratese. Secondo gli inquirenti il gruppo avrebbe cercato di ottenere dalla famiglia di Demilecamps 7mila euro. Il turista era però riuscito a inviare ai famigliari la geolocalizzazione e da lì si erano attivati la polizia britannica, l’Interpol e i carabinieri del Ros.

Secondo gli inquirenti Athimni avrebbe attirato Demilecamps a Firenze, dandogli appuntamento davanti al Classic hotel dove poi avvenne l’aggressione (a cui aveva partecipato ma senza colpire la vittima). Rajraji sarebbe stato l’ideatore del sequestro e uno degli esecutori materiali e Conte e Gnaga sarebbero stati altri due esecutori del sequestro.

Secondo l’accusa Demilecamps era stato aggredito con pugni e calci, stordito, colpito con una pistola a scariche elettriche tipo “taser” e con spray al peperoncino. Sarebbe stato narcotizzato (tutto questo sempre a Firenze, il 6 ottobre dell’anno scorso), e sequestrato per poi essere portato a Monte San Giusto in una casa in via Carducci 38, nella disponibilità di Gnaga. Qui sarebbe entrata in campo anche Carpani che avrebbe partecipato insieme agli altri imputati al sequestro. Alla fine sarebbero stati pagati 1.500 euro rispetto ai 7mila richiesti.

Rapimento del turista inglese, udienza dal gup di Firenze: in 4 chiedono il rito abbreviato

Rapimento del turista inglese, finisce in manette il “telefonista”

Demilecamps e gli amici-rapitori: «Insieme festeggiarono l’Italia, sul debito disse sbagliarono a fidarsi»

Il gip sul rapimento Demilecamps: «Inverosimile la versione del debito, indiscutibile sia stato un sequestro»

Turista inglese sequestrato, spunta un secondo luogo di prigionia: l’appartamento di uno youtuber

«Preso a pugni e stordito» Il racconto del turista inglese Si cerca un quinto complice

Turista inglese sequestrato, domiciliari per i quattro carcerieri «Era solo una messa in scena, doveva darci 7mila euro»

Giovane inglese sequestrato per 8 giorni, blitz dei carabinieri in un appartamento: arrestati i quattro carcerieri (Video)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X