Turista inglese sequestrato,
domiciliari per i quattro carcerieri
«Era solo una messa in scena,
doveva darci 7mila euro»

MONTE SAN GIUSTO - Il 18enne Rubens Beliga Gnaga è stato l'unico a parlare davanti al gip del tribunale di Macerata durante l'udienza di convalida. Dona Conte e Aurora Carpani si sono dichiarati estranei ai fatti. Ahmed Rajraji si è avvalso della facoltà di non rispondere
- caricamento letture

 

montaggio-arresti-monte-san-giusto1-650x340

Dall’alto Aurora Carpani, Ahmed Rajraji, Rubens Beliga Gnaga e Dona Conte oggi al tribunale di Macerata

 

di Alessandra Pierini (foto Fabio Falcioni)

«Gli avevo prestato quei 7000 euro, era un debito da risarcire. Il rapimento? Una messa in scena per convincere i suoi familiari a mandarci i soldi».

IreneDeSimio_FF-1-325x217

L’avvocato Irene Di Simio

E’ quello che ha riferito questa mattina durante l’udienza davanti al gip Giovanni Manzoni al tribunale di Macerata Rubens Beliga Gnaga, 18 anni, uno dei quattro giovani arrestati mercoledì sera a Monte San Giusto per il rapimento di Sam Kourosh Patrick Demilecamps, turista inglese rimasto chiuso nell’abitazione di via Carducci (in uso allo stesso Gnaga) per otto giorni.  Il 18enne di Monte San Giusto ha dunque parlato di una messa in scena voluta dal 25enne inglese per convincere i familiari a mandare dei soldi che avrebbe dovuto restituire.

CinalliLevino_FF-1-325x217

L’avvocato Levino Cinalli

Per lui il giudice ha convalidato questa mattina l’arresto e ha disposto i domiciliari con braccialetto elettronico. Stessa misura è stata disposta anche per Dona Conte, 22 anni e Ahmed Rajraji, 21 anni, entrambi di Montegranaro. Solo domiciliari per Aurora Carpani, 20 anni, fidanzata di Conte e anche lei di Montegranaro.
Una vicenda ancora tutta da chiarire quella che vede protagonisti i quattro giovani e il turista inglese, i quali si erano già conosciuti in estate.
Durante l’udienza di questa mattina Aurora Carpani, difesa dall’avvocato Marco Fabiani, e Dona Conte, assistito dall’avvocato Levino Cinelli, si sono dichiarati estranei ai fatti. Si è avvalso della facoltà di non rispondere Ahmed Rajraji con l’avvocato Marco Cecconi.

Fabiani_FF-2-325x217

L’avvocato Marco Fabiani

Gnaga, assistito dal legale Irene Di Simio, invece, ha voluto dire la sua confermando che conosceva Demilechamps che gli aveva prestato dei soldi. Poi il ragazzo inglese avrebbe chiesto di essere fotografato ammanettato e prigioniero per convincere i suoi familiari a inviare del denaro che avrebbe usato per coprire il suo debito.

I quattro giovani sono stati trovati nell’appartamento di via Carducci dai carabinieri, intervenuti con un blitz su richiesta della Nca, allertata dalla famiglia del 25enne inglese che aveva ricevuto da lui una richiesta d’aiuto.

MarcoCecconi_FF-1-650x434

L’avvocato Marco Cecconi

Fuori dall’aula c’era il papà di Rubens Beliga Gnaga il quale era fuori per lavoro e ha saputo solo ieri pomeriggio dell’arresto del figlio. «Portava spesso gente a casa e io mi raccomandavo di non farlo ma non mi ascoltava. Aveva lavorato tutta l’estate sulla costa e io gli lascio i soldi per la spesa. Non so cosa possa essere accaduto».

Giovane inglese sequestrato per 8 giorni, blitz dei carabinieri in un appartamento: arrestati i quattro carcerieri (Video)

rubens_gnaga_3-650x418

Rubens Beliga Gnaga

dona_conte

Dona Conte

ahmed_rajrai_333-650x433

Ahmed Rajraji

AuroraCarpani_FF-1-650x434

Aurora Carpani



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X