Pfizer manda meno vaccini
ma le Marche non saranno penalizzate,
al via il secondo richiamo

COVID - La nostra regione tra quelle che non subiranno tagli alla distribuzione. Raggiunto l'83,6% delle somministrazioni rispetto alle dosi ricevute
- caricamento letture

vaccino

 

Al via oggi la seconda (e ultima) iniezione del vaccino per i primi sanitari marchigiani che avevano ricevuto la prima dose il 27 dicembre.

Si tratta delle prime persone che grazie al vaccino e nel giro di qualche giorno (tempo necessario per sviluppare appieno gli anticorpi), saranno immunizzate dal Coronavirus.

Un altro giorno all’insegna della speranza di uscire dalla pandemia, anche se quella che è al momento la principale fornitrice di vaccini anti Covid, la Pfizer, ha annunciato una diminuzione degli invii. Che però non riguarderà le Marche. La nostra infatti è una delle sei regioni italiane che non saranno penalizzate nella distribuzione e che riceveranno le dosi già concordate in precedenza. Dalla prossima settimana arriveranno 10.530 dosi. Le altre Regioni che non subiranno tagli sono Abruzzo, Basilicata, Molise, Umbria e Valle d’Aosta.

In alcune strutture inoltre si procede già con il vaccino di Moderna: in questi giorni sono arrivate in regione le prime 1.500 dosi e ieri sono state somministrati alcuni vaccini anche nella Rsa di Treia, con la vaccinazione, tra gli altri, di una signora di 106 anni.

Al momento le Marche sono tra le regioni virtuose per quanto riguarda la somministrazione del vaccino: si collocano infatti al settimo posto. Con ben l’83,6% di dosi somministrate rispetto a quelle consegnate (rispettivamente 23.003 e 27.500).

(Fe. Nar.)

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X