Carancini, un’apertura a Canil
per il bene del calcio biancorosso

SOMMA ALGEBRICA - Basterebbe da parte del sindaco un invito a rinegoziare il progetto di calcio provinciale lanciato tempo fa dal patron del Matelica, nel frattempo promosso fra i professionisti, anche per appurarne la reale consistenza. La Maceratese di Crocioni, in attesa di presentare domanda di ripescaggio in Eccellenza, non si sottrarrebbe ad un confronto
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

enrico-maria-scattolini-1-325x346

Enrico Maria Scattolini

 

di Enrico Maria Scattolini

RITORNA L’ESTATE (+) e ritorna puntualmente il miraggio Canil.

STAVOLTA con un quid in più (+).

IMPORTANTE (+), perché si tratta della promozione del suo Matelica fra i professionisti.

SARA’ FORMALIZZATA il prossimo 3 giugno dal Consiglio Federale della Figc che dovrebbe ratificare la proposta della Lega Nazionale Dilettanti.

UN TRAGUARDO IMPORTANTE, forse al di là delle stesse intenzioni del patron (-).

CHE SI E’ TROVATO…PREMATURAMENTE FRA GLI “ELETTI” a causa della traumatica interruzione del campionato (—) provocata dal “Covid 19”. Che ha colto la squadra marchigiana in cima alla classifica.

matelica-canil3-325x244

Mauro Canil, patron del Matelica

SITUAZIONE TECNICA non dissimile da esperienze del recente passato dei matelicesi, poi puntualmente vanificate (-) da improvvisi cedimenti agonistici di fine stagione.

RISCHIO NELLA CIRCOSTANZA PERO’ EVITATO (+) dai tempi anticipati dell’accaduto; e quindi con il sospetto che l’evento, in assoluto entusiasmante, stia nel contempo producendo in Canil profonde riflessioni fattuali.

OVVIAMENTE FRA LE PIEGHE (-) delle dichiarazioni ufficiali.

DI UNA COSA PERO’ IL PRESIDENTE SEMBRA IN ASSOLUTA SICUREZZA: disco rosso in direzione Macerata.

LO HA CONFIDATO AL COLLEGA MAURO GIUSTOZZI: «non vedo spiragli di un mio possibile impegno calcistico nel capoluogo» (leggi l’articolo).

SPIEGANDONE ANCHE I MOTIVI: «e’ stata messa avanti la politica rispetto allo sport».

RIFERENDOSI OVVIAMENTE al fallimento (-) del suo progetto, dell’anno scorso, di un rapporto sinergico fra il Matelica e la Maceratese.

SULLA CUI REALE CONSISTENZA non si è mai avuta chiarezza (-), così come sulle effettive responsabilità.

Carancini_Foto-LB1-450x300

Il sindaco di Macerata Romano Carancini allo stadio Helvia Recina

L’AVVOCATO CARANCINI potrebbe fare opera di approfondimento con un invito a Canil di
rinegoziazione. Potrebbe trarne vantaggio il calcio biancorosso.

IL SINDACO POTREBBE GIOCARE ….cinicamente sulle oggettive problematiche della controparte (-) riguardo allo stadio – possibilità in deroga del suo utilizzo in Lega Pro limitato solo ad un anno – ed al bilancio, che necessita di un sostegno ai botteghini ben più solido di quello assicurato dalla sola tifoseria matelicese. I costi dell’attività professionistica sono alti, tanto da turbare ancora i sogni della Tardella.

CHISSA’ CHE CANIL non attenda proprio questa apertura da Carancini, sottotraccia all’ufficialità.

APERTURE AL CONTRARIO SUBITO PROPOSTE (-) da alcuni leaders della politica locale, impegnati in campagna elettorale, sull’uno e l’altro fronte.

ConsiglioComunale_MaurizioMosca_FF1-325x217

Maurizio Mosca

SILENTE SOLTANTO MAURIZIO MOSCA (+), sicuramente uno dei pochi a conoscere la verità autentica.

STA INVECE LAVORANDO al suo programma Crocioni (+), insieme a Gagliardini ed agli altri collaboratori.

CERTAMENTE (+), come ha più volte comunicato, non si sottrarrebbe ad un confronto con Canil.

MA IL SUO PENSIERO è soprattutto rivolto al ripescaggio della Rata in Eccellenza (+).

LE ULTIME DECISIONI DEL COMITATO MARCHIGIANO DELLA LND potrebbero agevolarlo (+).

Consiglio Lnd: Matelica in Lega Pro, Sangiustese e Jesina retrocedono



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X