Test sierologici per i lavoratori,
via libera della Regione

COVID-19 - Approvata una delibera di giunta che indica alle aziende quali esami effettuare ai propri dipendenti su base volontaria e come comportarsi dopo l'esito
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
giessegi-test-sierologici

Un test sierologico

 

«Anche le aziende potranno effettuare, su base volontaria, il test sierologico sui dipendenti». Lo ha stabilito la giunta regionale con una delibera che estende in questo senso la sperimentazione dei test sierologici, prevista per gli operatori sanitari, per le forze dell’ordine, le forze armate e i vigili del fuoco. Poiché si tratta di sperimentazione ed è quindi indispensabile la comparabilità dei risultati, la delibera indica con precisione che il test da effettuare è di tipo quantitativo, con la metodica della chemiluminescenza (lo stesso praticato sulle altre categorie che partecipano alla sperimentazione) ed esclude i test rapidi, cosiddetti “saponette”. L’atto fornisce le indicazioni sui comportamenti da tenere sulla base dell’esito del test sierologico e indica l’obbligatorietà del tampone qualora il risultato dell’anticorpo risulti positivo. Con tampone positivo il medico competente dell’azienda è tenuto ad effettuare le dovute comunicazioni ai Dipartimenti di prevenzione territorialmente competenti. Per l’esecuzione dei tamponi le aziende dovranno rivolgersi a laboratori validati per questa specifica attività. In provincia alcune aziende si sono già attrezzate, come la Giessegi di Appignano (leggi l’articolo).

 

Al via i test sierologici a forze dell’ordine e vigili del fuoco



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X